I GIARDINI INCANTATI DI CAMILLA CARZANIGA

C’è un filo conduttore tra Camilla Carzaniga e chi osserva la sua arte. Là dove le sue figure s’interrompono, iniziano quelle di chi le guarda. E così diventa artefice dell’arte anche l’osservatore che completa le opere mai volutamente finite, qualcosa di personale al mondo fantastico dell’autrice, quello dove anche gli animali sono fatti di fiori.

Nelle opere di Camilla Carzaniga la realtà non esiste. A esistere è la sua capacità nel mostrare l’anima delle cose giocando con le luci e con le ombre: dietro alle fessure di un mondo esteriore opaco e definito si scorge un mondo interiore luminoso e infinito.

                                                                                                          Incanto

La sua arte appare misteriosa ed enigmatica: ne sono esempi significativi le nuove opere incanto e secret garden, nelle quali piante e animali si nascondono dietro a “quinte” rappresentate da “spaccati” di materiale scuro e opaco.

Lo stile dell’artista richiama il Liberty sia per la presenza di motivi floreali sia per l’impiego di materiali come l’ottone che fa da sfondo alle sue ultime creazioni.

                                                Secret Garden

Il tutto alleggerito però da elementi contemporanei come i tagli verticali con una nota rock data dalla scelta del nero. Se l’ispirazione compositiva viene dalla natura, quella della rappresentazione formale dell’oggetto viene da Giacomo Benevelli, l’artista che negli anni ‘60 ha esplorato al meglio tutte le possibilità della forma plastica – in particolare le lampade Arabesque (“una forma scultorea dovrebbe vivificare lo spazio, non solo occuparlo; dovrebbe innescare la nostra curiosità di scoprire il suo lato nascosto” cit. Giacomo Benevelli).

Alla base delle installazioni luminose soul light c’è un processo creativo che si divide in più fasi: origine è la natura che Camilla reinventa attraverso un collage di scatti fotografici da lei realizzati o selezionati sulla base di un mondo immaginario, che poi riproduce su una lastra di materiale metallico (acciaio, ottone, rame), con una tecnica di taglio laser e punzonatura.

                                                                                                                 Secret Garden

A illuminare dall’interno questi quadri-sculture un pannello di metacrilato su cui viene progettato un circuito a Led che segue il disegno. Ne deriva un’opera che non è mai statica: grazie ad un dispositivo elettronico la luce è regolabile sia in termini di colore, che di intensità. Le creazioni di Camilla Carzaniga possono essere inserite in qualsiasi tipo di ambiente dando un tocco di eleganza e unicità sia in contesti spaziali privati, come living contemporanei, ma anche dalle citazioni classiche o vintage, che pubblici e nel mondo dell’hotellerie.

Un’artista che riproduce suoni, lucie movimenti della natura con uno stile evocativo, raffinato e contemporaneo.

 

CAMILLA CARZANIGA

Vive e lavora in Brianza e si dedica alla creazione di installazioni luminose che sono il punto d’incontro tra il mondo dell’arte e quello del design. Con uno stile personale e ricco di suggestioni che declina nell’interior decoration, Camilla crea una collezione di pezzi unici di alto artigianato artistico, frutto di una ricerca che coinvolge trasversalmente il mondo dell’arte, del design, della fotografia e della natura.

 

camillacarzaniga.com