SISSI. VESTIMENTI

Palazzo Bentivoglio presenta Vestimenti, una mostra personale di Sissi. Sissi (Bologna, 1977) emerge sul finire degli anni novanta, ancora giovanissima e mentre frequentava ancora l’Accademia di Belle Arti, rivelandosi immediatamente come uno dei più luminosi esponenti dell’arte in Italia.

Sissi, Ogni cosa al suo posto (2010). Bamboo, vestiti, ferro, ceramiche, 300x100x200 cm. Foto Ramiro Castro Xiques

La sua pratica sin da subito spazia dalle performance alle sculture, dai video alle fotografie, dai disegni ai dipinti. Gli stessi linguaggi molto spesso si mescolano tra loro andando a comporre opere che mantengono sempre una fortissima cifra stilistica. Le tematiche hanno come centro il corpo, dell’artista ma non solo, spesso declinato nei suoi modi di vivere e abitare il mondo, o nei suoi elementi singoli che compongono la nostra anatomia.

Veduta della mostra personale al Museo Archeologico, Bologna. Courtesy dell’artista. Foto Alessandro Trapezio

Veduta della mostra personale Addosso alla Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano

Veduta della mostra personale Addosso alla Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano

Vestimenti raccoglierà un’ampia selezione di sculture-abito dell’artista. Buona parte della produzione di Sissi negli anni si è infatti concentrata sulla realizzazione di abiti, talvolta indossabili, fatti dei più svariati materiali, che l’artista ha sempre inteso e presentato come vere e proprie sculture, anche all’interno di ampie installazioni o di performance, come nella sua prima fondamentale opera Daniela ha perso il treno (1999). Si tratta di un grande corpus di lavori in grado di coprire venti anni di carriera e di approfondire uno degli elementi cardine della sua poetica.

Sissi, Abitante (2014). Corde, tele, acrilici, manichino, 70x70x190 cm. Courtesy dell’artista. Foto Matteo Monti

Sissi, Archivio Addosso 1995 – in progress tailleur V+G\BUD\01\09. Straccio di cotone, Gipsoteca, Museo Archeologico, Bologna. Courtesy dell’artista. Foto Alessandro Trapezio

Sissi, Astrazione di un pensiero organico (2014) Ferro, legno di mare, stoffa, pelle, corde, 160x45x200 cm

Le sculture verranno presentate attraverso un grande progetto installativo pensato appositamente dall’artista per lo spazio espositivo di Palazzo Bentivoglio. Verrà inoltre presentata una performance in cui l’artista dialogherà con il pubblico e permetterà di sottolineare come queste opere siano legate alla nostra vita di tutti i giorni, da cui nascono e a cui sono destinate.

Sissi, Astrazione di un pensiero organico (2014)

Sissi, Abitante (2011). Ceramica, stoffa, rafia, tela dipinta, manichino 50x50x180 cm. Courtesy dell’artista. Foto OKNOstudio

Sissi, Abitante (2011). Maglia di plastica, corde, manichino, 70x100x165 cm
Courtesy dell’artista. Foto Matteo Monti

La performance avrà una doppia cadenza: la prima avverrà durante l’opening (su invito) di domenica 19 gennaio, alle ore 19.00. La seconda verrà realizzata domenica 26 gennaio, dalle ore 14.30 alle ore 16.30: l’ingresso a quest’ultima performance sarà libero ma, data la capienza limitata degli spazi espositivi, si potrà accedere solo fino a esaurimento posti.

Sissi, Si è più nudi vestiti (2011). Stampa lambda, 140×120 cm. Foto Ivan Mattioli

Sissi, ONme (2015). Foto da “Archivio Addosso 1995 – in progress”, Gipsoteca, Museo Archeologico, Bologna. Foto Alessandro Trapezio

Sissi, Leggersi dentro (2014). Stoffa, timbri, ferro,180x40x45 cm

La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione bilingue (italiano-inglese) edita da Corraini Edizioni con testi di Mariuccia Casadio (critica d’arte, curatrice e giornalista), Antonio Grulli (curatore della mostra), e un dialogo di Sissi con l’artista Christian Holstad. Il libro verrà presentato domenica 26 gennaio alle ore 16.30 alla presenza dell’artista e degli autori.

 

 

Sissi

Vestimenti

 

21 gennaio/19 aprile 2020

 

a cura di Antonio Grulli

 

Palazzo Bentivoglio

Via del Borgo di San Pietro, 1

Bologna

 

 

ingresso libero

 

 

info@palazzobentivoglio.org

 

Cover: Sissi, Leggersi dentro (2014). Stoffa, timbri, ferro, 180x40x45 cm (dettaglio)