BOLLINGER ROSÉ 2006

Gli Champagne rosé negli ultimi anni sono tornati di moda con prodotti di alto livello: affascinano e conquistano il favore dei consumatori, con una qualità molto migliorata, le tecniche di elaborazione più precise, e un cambiamento climatico, dovuto all’alzamento delle temperature che permette di ottenere una migliore maturità delle uve, e sempre più una loro identità e personalità. “Tante Lily” non amava la versione Rosé dello champagne, e non lo produsse mai, ma Bollinger oggi produce dei rosé affascinanti e intriganti, come la La Grande Année Rosé, che nacque sul finire degli anni 70, e il Brut Rosé che ebbe luce nel 2008.

 

La vendemmia 2006 ha ispirato allo Chef de Cave della Maison Bollinger una Cuvée unica, capace di esprimere pienamente la personalità di questo millesimo che ha beneficiato di un clima molto favorevole, atipico, caratterizzato da un inverno molto freddo e da un’estate molto calda, con un bel raccolto e la possibilità di creare un vino rosso eccezionale, uno dei grandi savoir‐faire della Maison, simbolo della sua competenza in materia di Pinot Nero. Nel 2006 non verrà prodotta La Grande Année, quindi non avendo il suo equivalente in bianco, il 2006 diventa per la Bollinger l’unica edizione limitata, solo ventimila bottiglie, dedicata ad una Cuvée Rosé, ed è l’occasione per esprimersi attraverso un packaging attraente ed innovative, con un cofanetto che richiama la Mashrabiyya, una griglia usata come dispositivo di ventilazione naturale, utilizzato nell’architettura tradizionale dei Paesi arabi, con giochi di trasparenze e di riflessi rosa.

Il Bollinger Rosé 2006 ottenuto dall’assemblaggio dei migliori Grands e Premiers Crus, è costituito da uve 72% di Pinot Noir, e 28% di Chardonnay, provenienti dai vigneti di Aÿ, Avenay, Tauxières, Louvois et Verzenay poi fermentate in legno come tradizione della Maison, e l’aggiunta di un 7% di vino rosso del celebre vigneto di Aÿ, Côte aux Enfants, dal quale Bollinger produce anche l’omonimo vino rosso fermo Coteaux Champenois, che conferisce a questa cuvée un’ affascinante color rosa antico e apporta dinamicità e complessità alla gustativa. Rimane 10 anni ad affinare sui lieviti, tempo essenziale al fine di far esprimere pienamente il carattere di un’annata così singolare, e dopo il dégorgement è dosato a 6 g/l.

 

Rosé 2006 Limited Edition92/100

 

Colore rosa antico, con profumi fruttati di sottobosco, fragola, ribes e mirtillo a comporre un insieme intensamente vinoso, che poi virano su note agrumate fresche, con sfumature di fiori appassiti, e sul finire note di tabacco, cioccolato e caffè con un leggero tocco balsamico.

La bocca, è vinosa, nello stile Bollinger, ma con una bella freschezza data da note di agrume rosso, piu’ mandarino che arancia su una mineralità ferrosa, e un finale sapido, con frutta secca e un fantastico ritorno di agrume rosso.

Champagne dal gusto secco, ma di straordinaria freschezza e vivacità. Questo Rosé d’assemblaggio nella sua unicità ripropone la firma di una Maison che con una preponderanza di Pinot Noir si identifica in uno stile vinoso e potente, anche se la finezza del sorso con i suoi ritorni agrumati lo porta a essere uno Champagne di grande bevibilità.

 

www.champagne-bollinger.com

 

Leggi anche:

BOLLINGER R.D. 2004 EXPERIENCE

2003 BY BOLLINGER