AMERICA CENTRALE: UN PARADISO DI SAPORI

Manioca, fagioli neri e rossi, arachidi, riso, peperoncino, avocado, cacao, ananas, cocco: questi e molti altri sono i prodotti che rendono uniche e al tempo stesso strettamente legate tra loro le cucine dei paesi dell’America Centrale e della Repubblica Dominicana. Così per Belize, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panama e Repubblica Dominicana, i paesi che fanno parte di CATA (Agenzia di promozione turistica dell’America Centrale), si può parlare di un’unica gastronomia, frutto della fusione delle diverse culture, della posizione geografica, del clima e dell’ampia varietà di terreni differenti.

Uno dei segreti e delle armi vincenti della gastronomia del Centro America è l’uso di diverse spezie, che insieme alla ricca combinazione di sapori e ingredienti autoctoni da vita a esplosioni di sapori che rendono questa gastronomia apprezzata da tutti i tipi di palato. In questo periodo a tratti difficile, in cui la scelta migliore è restare a casa, l’America Centrale e la Repubblica Dominicana hanno pensato di invitare coloro che in questi giorni stanno scoprendo le loro doti culinarie in un viaggio insolito e gustoso alla scoperta dei loro sapori e profumi. Per farlo, non servirà muoversi dalle proprie case anzi, dalle proprie cucine: ecco 8 ricette da provare per portare in tavola l’America Centrale!

 

Chimole – Belize

Chimole

La cucina del Belize è un’esplosione di sapori, risultato delle molteplici influenze dei paesi vicini. Il Chimole molto simile a una zuppa, è originario della cucina Maya: alla base, ci sono una miscela di spezie e il “Recado Nero”, un antico condimento Maya che gli conferisce uno straordinario sapore affumicato e che dona al piatto un carattere davvero forte e particolare.

Come si prepara:
Pulire 10 peperoni rossi e arrostirli, lasciandoli poi riposare in una ciotola con acqua; tenere da parte i semi. Macinare alcuni chiodi di garofano, i semi dei peperoni, 1 cucchiaio di semi di annatto e mezzo cucchiaino di cumino. Tritare poi 5 spicchi d’aglio, 1 cucchiaino di origano, 1 cucchiaio di aceto di vino bianco, mezzo cucchiaio di pepe a un pizzico di sale insieme ai peperoni arrostiti e al mix macinato in precedenza. Mescolare tutti gli ingredienti per formare una pasta/zuppa nera e accompagnare con uova sode.

 

Enchiladas

Guatemala

Enchiladas

Rispetto alle classiche Enchiladas, quelle tipiche del Guatemala si distinguono per il sapore armonioso creato dalla combinazione di lattuga, barbabietole, cipolle, salsa di pomodoro, prezzemolo fresco, uovo e formaggio. Il segreto sta nel disporre nel modo corretto tutti gli ingredienti sopra la tortilla.

Come si preparano:
Si parte con una foglia di lattuga, sopra la quale si devono poi disporre un mix di verdure a scelta, tra le quali non devono però mancare la cipolla e le barbabietole. Per gli amanti della carne, questo è il momento giusto per aggiungere manzo o pollo tagliati in piccoli pezzi e (a piacere) un po’ di salsa di pomodoro. A chiudere l’enchilada saranno un uovo sodo a fette, una bella spolverata di formaggio a pasta dura e del coriandolo tritato.

 

Pupusas

El Salvador

Pupusas

Le Pupusas salvadoregne sono delle tortillas ripiene molto gustose e semplici da preparare.

Come si prepara:
Per prima cosa saltare 50g di pancetta in un filo d’olio insieme a circa un quarto di cipolla tritata e a un pizzico di cumino. In una ciotola impastare 150g di farina e 75g di acqua. Dividere l’impasto in circa 6/8 dischi di circa 1 cm e farcirne la metà con la pancetta; coprire ogni disco con un altro e schiacciare leggermente con un mattarello. Scaldare una padella, ungerla leggermente e cuocere ogni tortilla fino a che diventi dorata da entrambi i lati.

 

 

Pesce fritto con fette di banana verde e verdure sottaceto

Honduras

Pescado frito con tajadas de plátano verde y encurtido

Questo è uno dei piatti più tradizionali e più cucinati dell’Honduras: molto apprezzato per il suo mix di sapori e per la sua croccantezza, è il piatto di punta della regione settentrionale, dove ogni giorno è disponibile ottimo pescato. Ad accrescerne l’esplosione di sapori sono le fette di banana, la cipolla rossa e il cavolo.

Come si prepara:
Condire il pesce con sale, timo, origano, pepe a piacere e brodo di pollo, dopodiché infarinarlo. Con un filo d’olio, friggere il pesce in padella rosolandolo da entrambi i lati. Tagliare poi una banana verde a fettine di circa mezzo centimetro e friggerle per 3 minuti su ogni lato, fino a quando non saranno dorate e croccanti; rimuovere l’olio in eccesso. Per il condimento, versare 1 tazza d’acqua, 1 tazza di zucchero, 2 tazze di aceto bianco e 2 foglie di alloro in una casseruola profonda e portare ad ebollizione. Aggiungere 2 cipolle rosse e una julienne di cavolo (se piace il piccante, si possono aggiungere anche qualche jalapeño o peperoncino); togliere la padella dal fuoco e immergerla in un’altra padella con acqua e ghiaccio, cosi che gli ingredienti si raffreddino rapidamente. Unire al pesce e servire.

 

 

Baho

Nicaragua

Baho

Nonostante sia un po’ lungo da preparare, il Baho è un piatto che farà felici tutti gli amanti della carne e del manzo.

Come si prepara:
Marinare 1kg di manzo tagliato a cubetti con 2 cipolle a metà, sale, 2/3 spicchi d’aglio e 1 tazza di succo d’arancia e lasciar riposare 24h. Sciacquare la carne. Tagliare a fette sottili le cipolle usate per la marinatura, 1kg di manioca e 3 banane. Con delle foglie di banana rivestire il fondo e i lati di una casseruola, lasciando fuoriuscire parte delle foglie dai bordi. In verticale, disporre in modo alternato le fette di manioca e banane per tre volte. Al centro disporre la carne, circa 500g di pelati a dadini, mezzo peperone rosso e mezzo verde a tocchetti e le cipolle. Chiudere il tutto con le foglie in modo che non ci sia spazio tra una e l’altra e tutto sia sigillato. Aggiungere 1 tazza e mezzo di acqua intorno e lasciar cuocere a fuoco medio per circa 2 ore; trascorse, abbassare il fuoco e cuocere per altre 2 ore. Se l’acqua evapora, aggiungerne altra (bollente). Tagliare a fette e servire su una foglia di banana.

 

 

Picadillo

Costa Rica

Picadillo papa

Ingrediente che fa parte della dieta di base di molti paesi dell’America Latina, la patata è alla base di molte ricette tradizionali del Costa Rica.

Come si prepara:
Per preparare il Picadillo, in una pentola spessa scaldare dell’olio d’oliva; una volta pronto aggiungere 300g di carne di manzo macinata, 4 fette di pancetta a pezzi, mezza cipolla tritata, 150g di peperoni tritati, 2 spicchi d’aglio, 1 cucchiaino e mezzo di sale e del coriandolo tritato. Cuocere mescolando di tanto in tanto finché la carne non sarà più rosa. Aggiungere circa 1kg di patate a dadini insieme a un bicchiere d’acqua e dell’origano. Coprire e lasciare cuocere a fuoco lento fino a quando le patate non saranno morbide (circa 15 minuti). Aggiungere ancora un po’ di coriandolo e lasciar cuocere ancora qualche minuto e servire caldo con delle tortillas.

 

 

Sancocho Panameño

Panama

Sancocho

Una versione diversa di pollo e patate assolutamente da provare, il Sancocho è una zuppa tipica di Panama.

Come si prepara:
Disporre circa 1.5kg di pollo in una pentola e coprire con acqua: portare ad ebollizione e quindi far cuocere a fuoco vivo per 5 minuti. Abbassare la fiamma e aggiungere 1kg di patate a dadini, due pannocchie tagliate in tre pezzi ciascuna, 400g circa di manioca e cuocere a fuoco lento per 45 minuti. Aggiungere poi una cipolla tritata, un peperone verde a dadini, del coriandolo, qualche spicchio di aglio, un pizzico di sale e una spolverata di origano; cuocere ancora per 15 minuti. Togliere dal fuoco, coprire e lasciar riposare 10 minuti prima di servire insieme a del riso bianco.

 

 

Bandera

Repubblica Dominicana

Bandera

Piatto prediletto per il pranzo di moltissimi abitanti della Repubblica Dominicana è la “Bandera”, piatto che deve il suo nome ai suoi stessi colori, che insieme nel piatto formano il tricolore della bandiera del Paese: il bianco è rappresentato dal riso, il rosso dai fagioli e, con una licenza poetica, la carne (solitamente pollo o stufato di manzo) rappresenta il blu.

Come si prepara:
Condire la carne scelta con salsa a piacere (tipo salsa ranch o simile), delle olive e un po’ del loro succo, una spruzzata di aceto, aglio, pepe, sale, origano; aggiungere anche la cipolla e i peperoni e lasciare marinare per circa un’ora. In una pentola, scaldare un filo l’olio e aggiungere un cucchiaio di zucchero, mescolando fino a quando non si scioglie completamente; aggiungere quindi la carne e lasciarla dorare. Aggiungere a questo punto la marinatura della carne e un po’ d’acqua per evitare che si bruci. Quando la carne risulterà morbida, lasciar ridurre l’acqua. Aggiungere quindi gli altri ingredienti (pomodori, cipolla e peperoni) e friggere il tutto, aggiungendo dell’acqua in modo che la salsa sia giusta. Per preparare i fagioli, invece, iniziare rosolando della carne di maiale in 4 cucchiai d’olio. Aggiungere poi l’origano, la cipolla, il peperoncino, il pomodoro fritto, il sedano, l’aglio e alcune erbe aromatiche e spezie per insaporire e, mescolando, aggiungere due cucchiai d’acqua. Quando l’acqua sarà quasi del tutto evaporata, aggiungere del dado di carne, i fagioli e tre tazze d’acqua. Mescolare regolarmente fino a raggiungere una consistenza cremosa e infine salare e pepare a piacere. Il riso va semplicemente bollito, secondo il proprio gusto. Disporre le tre preparazioni in un unico piatto e servire caldo.