Ferrari, sull’Arte dell’Ospitalità

Le Cantine Ferrari tornano a Identità Golose, a Milano dal 3 al 5 marzo, non solo con uno spazio all’interno dell’area main sponsor, ma soprattutto con un ricco calendario di appuntamenti, dove ancora una volta si parlerà dell’importanza dell’Arte dell’Ospitalità, quella magica alchimia fra accoglienza, servizio e convivialità in grado di rendere memorabile un’esperienza enogastronomica.

Maurizio Saccani, Marco Reitano, Matteo Lunelli, William Drew, Massimo Bottura, Umberto Bombana e Soren Ledet sul palco di Identità Golose 2017

Un argomento, questo, che da anni le Cantine Ferrari sostengono e approfondiscono attraverso molte iniziative – tra cui la collaborazione con The World’s 50 Best Restaurants, con cui hanno istituito il Ferrari Trento Art of Hospitality Award – e che quest’anno trova una perfetta rispondenza nel tema di Identità Golose “Il Fattore Umano”. Se l’obiettivo del Congresso è mettere al centro le relazioni, l’uomo-chef e tutti coloro che lo circondano sul lavoro, dalla cucina alla sala, parlare di ospitalità è ancora più naturale.

Jordi e Joan Roca de El Celler de Can Roca con Camilla Lunelli

Appuntamento, dunque, domenica 4 marzo, per Identità di Sala, che, per l’interna giornata, coinvolgerà alcuni fuoriclasse dell’ospitalità con un confronto su varie tematiche fra cui la formazione, il ruolo della famiglia e il mondo dell’hotellerie. Tra loro, Will Guidara di Eleven Madison Park di New York e Josep Roca di El Celler de Can Roca di Girona, che torneranno sul palco dell’Auditorium di Identità Golose anche lunedì 5 marzo, nella sessione che le Cantine Ferrari hanno voluto dedicare proprio all’Arte dell’Ospitalità.

Matteo Lunelli consegna il premio Ferrari Trento Art of Hospitality a Daniel Humm e Will Guidara

Sia Will Guidara sia Josep Roca, infatti, sono stati premiati con il Ferrari Trento Art of Hospitality Award e porteranno la propria esperienza su come valorizzare il ruolo di chi fa dell’ospitalità un’arte, come maître, sommelier e personale di sala. Insieme a loro sul palco Massimo Bottura dell’Osteria Francescana, a formare uno straordinario trio: i tre rappresentano infatti i migliori ristoranti al mondo secondo le ultime tre edizioni della prestigiosa classifica internazionale, rappresentata per l’occasione a Milano da Laura Price, Deputy Editor di The World’s 50 Best Restaurants. Completeranno il panel, introdotto dal giornalista Federico De Cesare Viola, gli interventi di Matteo Lunelli, Presidente delle Cantine Ferrari e di Paolo Marchi, fondatore di Identità Golose.

Gli appassionati di vino potranno inoltre apprezzare, lunedì 5, una speciale degustazione, condotta da Marcello Lunelli, enologo di Casa Ferrari, che rappresenterà un vero e proprio viaggio nelle diverse espressioni dello Chardonnay di montagna, dal Villa Margon, Trentino Chardonnay delle Tenute Lunelli, a un’ampia gamma di Trentodoc che culminerà in bellezza con il Giulio Ferrari Riserva del Fondatore del 1993.

 

 

 Cover: 11 Madison Park, New York