IRLANDA, VERDE E GOLOSA

Quest’autunno l‘Irlanda celebra in grande stile la sua gastronomia. Ma voi conoscete bene questo paese? Nell’immaginario collettivo l’Irlanda appare come un piccolo paradiso verde, un’isola nascosta dalla pioggia, la terra dei trifogli, della birra e della gente dai capelli rossi.

Loughcrew Cairns

Ichydoney Island

In realtà l’Irlanda è molto di più. E’ una bellissima isola dalle coste frastagliate in mezzo all’Atlantico, dove le quattro stagioni si alternano nel giro di 10 minuti, dove le persone sono di grande cuore, gioiose e sorridenti, dove l’arte dell’accoglienza è uno stile di vita, e dove (sorpresa!) si mangia molto bene. Ma pensarci bene non c’è nulla di sorprendente: una terra incontaminata, zero industrie inquinanti e un’invidiabile posizione in mezzo all’oceano fanno sì che tutto ciò che cresca, si raccolga e si peschi sull’isola, sia frutto della natura selvaggia, protetta e ben custodita.

“Taste the Island” è un’iniziativa che per la prima volta si tiene in tutta l’isola. Dovrebbe contribuire ad accrescere la reputazione dell’Irlanda in fatto di esperienze gastronomiche e andrà avanti fino al 30 novembre 2019. Si tratta di un programma della durata di ben tre anni che prevede un lavoro di squadra che coinvolge tutta la filiera turistica e il settore della accoglienza.

L’anno 2019 è inaugurale e l’impegno principale dei settori turistico e gastronomico è sviluppare un numero maggiore di eventi, dando vita ad un variegato programma di esperienze di gusto. Produttori artigianali innovativi e chef di fama mondiale si daranno appuntamento nelle cucine (e non solo) di tutta l’isola per creare uno degli eventi gastronomici più entusiasmanti al mondo.

Nei prossimi tre anni i visitatori potranno scoprire la famosa ospitalità e gli eccellenti prodotti irlandesi, estendendo la “solita” stagione turistica dall’estate all’autunno e anche oltre. E se negli anni passati in autunno c’erano soltanto 16 eventi gastronomici, dal 2019 in tutta l’isola ci saranno oltre 700 manifestazioni e festival dedicati, accompagnati da offerte di soggiorno molto allettanti.

English Market a Cork

Una delle feste più belle e particolari si chiama Kinsale Gourmet Festival ed è arrivata alla 43ma edizione. Si svolge in una tre giorni proprio in questa graziosa cittadina grazie ad un circuito creato tra gli 11 membri del Kinsale’s Good Food Circle Restaurant. Il venerdì si aprono le danze con lo Champagne e una cena in uno dei ristoranti aderenti a scelta.

Mad hatter …

Il sabato arriva il bello: Mad Hatters Taste che sarebbe un divertente “foodie walking tour” durante il quale i numerosi partecipanti si dividono in 4 gruppi e seguono Alice, il Cappellaio Matto, laRegina di Cuori e il Bianconiglio nei loro itinerari golosi. Ma ad una condizione: senza un cappello particolare, ma anche strano, pazzo, fuori dalle righe, esagerato, non si può partecipare. Ah, doveste vedere la processione di persone con in testa i cespugli pieni di fiori e di uccelli, le torte, i gelati, le gambe all’aria o le corone reali… Domenica invece si mangiano frutti di mare a gogo, si beve vino (e altro) e si balla fino a tardi.

Ostriche irlandesi

Banco del pesce al mercato di Cork

Ma vediamo di scoprire qualcos’altro sulla vera gastronomia irlandese. Innanzitutto, pesce e frutti di mare. Ottime le ostriche, dal sapore salmastro e di una freschezza sconvolgente, e le cappesante che non hanno eguali: carnose, tenere, si sciolgono in bocca. Anche il pesce è straordinario, e lo potete mangiare in tutti i ristoranti lungo la costa sia come fish and chips, sia in veste più creativa e raffinata, come, per esempio, la rana pescatrice con patate fondenti e salsa di paprica affumicata o il merluzzo croccante con purea di ceci all’aglio, zucchine confit e salsa di peperoncino e menta.

Bufale

Anche la carne è molto saporita: non per niente le bistecche irlandesi sono piuttosto popolari anche in Italia. In effetti, scorrazzando su e giù per il paese, non si può non notare gli infiniti pascoli verdi, popolati da mucche molto curate e da pecore che sembrano nuvole bianche. Gli allevamenti ovini e bovini sono il settore primario dell’economia irlandese, oltre la produzione casearia e l’industria manifatturiera.

Ma il miglior panorama gastronomico del paese si osserva, naturalmente, ai mercati agroalimentari. Pescato fresco e carni locali, prodotti tipici come black pudding (sanguinaccio), formaggi, tra cui alcuni blue molto particolari. A proposito di formaggi: dovete sapere che in Irlanda ci sono allevamenti di bufale dove si producono le mozzarelle. Beh, se aspettate i sapori italiani, rimarrete delusi: le mozzarelle sono meno sapide e più delicate, ma il fatto in sé di allevare le bufale e di produrre i formaggi con il loro latte in un clima decisamente diverso, è già un atto eroico. E le mozzarelle, i bocconcini e le ricotte hanno un discreto successo su tutto il mercato irlandese.

E se per il dessert in Irlanda, come in Francia, si usa servire un plateau di formaggi con chutney e miele, per colazione non solo troverete i classici anglosassoni quali uova fritte, bacon, fagioli, funghi e salsicce, ma vi potrà capitare di sentire: “Il nostro pesce del giorno è la rana pescatrice, come ve lo cuciniamo?

Uno degli aspetti più affascinanti della gastronomia irlandese, è il . Non è esattamente quel famoso tè pomeridiano inglese, ma un vero rito mattutino: una teiera bollente, un bricco con il latte freddo, un portatoast con delle calde e morbide fettine dorate, e il burro, quel buonissimo burro irlandese. E’ come fare due colazioni: salata e dolce.

Ci sarebbe molto altro da raccontare sulle birre, whisky e gin, farvi venire l’acquolina in bocca parlando di zuppe e stufati fumanti, ma Taste the Island che durerà fino al 30 novembre è un ottimo motivo per farvi visitare l’Irlanda alla scoperta delle sue eccellenze.

Alcuni dei prossimi eventi saranno The Taste of Titanic, fino al 30 novembre a Belfast in Irlanda del Nord; The Copper Coast Plate: Meet the Makers 7-28 novembre a Waterford City; The Howth Seafood Shuffle fino al 30 novembre a Howth, Dublino.

 

 

irlanda.com