IANNOTTI LAB

La sperimentazione e la ricerca possono definirsi due concetti chiave facenti parte della profonda e creativa anima dello chef Giuseppe Iannotti. Il credo è sempre stato sperimentare per poi condividere, affinché l’effetto della ricerca all’interno del piatto possa avere come obiettivo principale il godimento da parte del cliente di ogni singolo elemento che lo compone, il tutto sempre finalizzato all’esperienza gastronomica in sé.

L’emozione ha lo scopo di rendere consapevole il consumatore finale di quanto il cibo sia ottimizzabile attraverso lo studio costante e attraverso l’utilizzo di una specifica tecnica, creando conseguentemente esperienza e piacevolezza, riuscendo a coinvolgere tutti e cinque i sensi. Ed è proprio questa la strada che porta a scoperchiare Giuseppe: la scelta e la scoperta che smuove la volontà, che lui attentamente farcisce di sorpresa e di esperienzialità.

Nel corso degli anni Giuseppe Iannotti ha capito che la carta vincente sarebbe stata quella di riuscire ad impressionare, imponendo e trasmettendo la sua visione che guarda oltre il territorio, rivolgendosi ad una clientela più ampia, non solo locale. Lo chef è risaputo avere le sue radici ben radicate nella sua terra d’origine, Telese Terme, ma la sua mente spazia da sempre in giro per il mondo. Questo gli ha permesso, infatti, di rafforzare un’anima e un’identità itineranti che si orientano e comunicano con un pubblico internazionale, riuscendo poi a trasmettere perfettamente queste caratteristiche all’interno dei suoi piatti. Da tutto questo concetto nasce quindi l’esigenza specifica di sviluppare un progetto ambizioso, creando un luogo fisico del tutto nuovo, appartato rispetto alla cucina del Krèsios, affinché non si vada a intralciare quello che è l’iter giornaliero del lavoro all’interno della cucina del ristorante, per evitare quindi di sottrarre energia e concentrazione al personale.

“Credo che in Italia oggi ci sia poca crescita e di conseguenza poco sviluppo, ma ritengo che questo aspetto costituisca una necessità e di conseguenza un investimento necessario per una crescita personale e professionale. Dal mio punto di vista crescere e sperimentare sono due fattori fondamentali per poter definire il proprio fine, e poterlo poi comunicare e condividere. Ritengo che sia molto importante considerare questi due aspetti come una parte implicita e necessaria del proprio lavoro. La necessità di sperimentare personalmente, arriva sempre da un’idea che è emozione pura e che necessita conseguentemente di un percorso che comprenda fattibilità, concepimento, metodologia di servizio e infine il costo”, afferma lo chef Giuseppe Iannotti.

                                                                                                                       Innotti Lab

Iannotti ha allora pensato alla realizzazione di un luogo che prende vita da una pura necessità: poter fare convivere nello stesso spazio tecnologia e design, riponendovi all’interno tutti gli strumenti tecnici collezionati durante gli anni e che rappresentano la forza motrice che manda avanti e fa crescere la sua cucina. Un luogo di ricerca e sviluppo, un laboratorio sperimentale, all’interno del quale, aziende come Marrone, Next Cooking Generation di Gourmet Services e FCF, che da sempre lo supportano, possano inserire e presentare nuovi prodotti da provare e sviluppare, uno spazio quindi che permetta allo chef Iannotti di sperimentare in maniera più appartata e specifica ma allo stesso tempo di condividere questa esperienza con chiunque abbia il desiderio di farlo. Proprio per questo motivo lo spazio Iannotti Lab, è un luogo di cui le aziende possono usufruire per lavorare, sperimentare e pensare concretamente al loro sviluppo. Iannotti Lab diventa così uno spazio di aggregazione per cuochi internazionali, colleghi, artisti e amici, un luogo innovativo dedicato alla scoperta, allo scambio e al dialogo dove poter apprendere le conoscenze acquisite durante il percorso all’interno del mondo gastronomico, da parte dello chef Giuseppe Iannotti.

“Ciò che mi ha spinto a intraprendere questo nuovo percorso è stata la volontà di voler far arrivare il mondo qui a Telese, non potendo portare fisicamente la mia terra in giro per il globo”. Questa la motivazione di Giuseppe che ha mosso questo grandioso e incoraggiante progetto.

Iannotti Lab è uno spazio ubicato nel seminterrato del Krèsios, affianco alla cantina, che include tutta la cura ai dettagli possibile: l’utilizzo degli acciai, il particolare dei Led nelle manopole, l’utilizzo di altezze diverse dai soliti standard per evitare i dolori di schiena, un soffitto aspirante, decisamente innovativo, e l’induzione impostata ovunque. Un luogo nuovo e sperimentale dove poter accogliere gli ospiti e incentivare una continua esplorazione scientifica da sempre cara allo chef Iannotti.

 

www.kresios.com

 

Photo credits Marco Varoli – Bob Noto