JAMES’ TASTING: TENUTA LA CÀ CALIS 2015

Casa, cantina e agriturismo: è triplice l’anima di Tenuta La Cà, 15 ettari coltivati a vite e olivo adagiati sulle colline moreniche di Calmasino di Bardolino, a pochi chilometri dalle sponde venete del Lago di Garda. Qui Pietro e Aldo Giambenini hanno scelto di tornare, dopo gli studi lontani da casa, per trasformare l’amata dimora e la terra dei genitori in una vera e propria impresa. Un’antica passione di famiglia è diventata così una missione: quella di produrre vini d’eccellenza, frutto di estro creativo e di un solido sapere.

Per i fratelli Giambenini, l’esperienza sul campo (in senso letterale) viene dalle estati passate a vendemmiare insieme ai genitori, sperimentando la fatica e la soddisfazione del lavoro in vigna. Così, a nemmeno 30 anni, i due hanno le idee ben chiare. La loro filosofia è quella di interferire il meno possibile con i processi naturali, rispettando le fasi lunari e sfruttando la tecnologia per assecondare le esigenze della terra, ma lasciando che sia lei a dettare i suoi ritmi.

È questo l’accento di Tenuta La Cà. Il segno grafico del nome si concretizza, nell’attività quotidiana, nell’impronta personalissima data dai due giovani vignaioli a ogni fase del loro lavoro, dalla coltivazione all’imbottigliamento. L’intero processo è biologico e certificato; la filiera corta, anzi cortissima, visto che la vigna più lontana dista appena 600 metri dalla cantina. Pietro e Aldo hanno sviluppato una vinificazione di precisione, basata su una scrupolosa parcellizzazione degli appezzamenti, che valorizza i territori ed esalta le differenze di ciascun vigneto. Su cinque diverse tipologie di suolo, tutte esposte al sole e irrigate naturalmente dalle falde acquifere sottostanti, crescono vitigni locali e internazionali (Corvina, Corvinone, Rondinella, Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Lagrein e Petit Verdot tra i rossi; Pinot Grigio e Bianco, Traminer e Garganega tra i bianchi).

Sono sei, almeno per ora, le etichette di Tenuta La Cà, con una menzione speciale per Intuito 1, il capostipite di una serie di vini unici, prodotti in poche bottiglie e mai uguali, nel blend, nel colore, nel prezzo, nel concetto.

 

 

 

James’ Tasting

Tenuta La Cà Cento Bolla Rosé

90/100

Iniziamo la nostra degustazione delle etichette di La Cà con questa delicatissima e piacevolissima bolla (Corvinone, Corvina e Rondinella), dall’aroma di fragole ed erbe officinali, frutta bianca e rossa che si rincorrono come fanciulli in un giardino fiorito. Al palato è pieno, equilibrato e sfodera un’ottima acidità e mineralità. Un vino divertente ma per nulla banale.

 

James’ Tasting

Tenuta La Cà Intuito 1 2017

91/100

Che l’aspetto di una grande materia (Garganega, Pinot Bianco, Traminer) sia al centro del progetto di La Cà si intuisce subito dall’aroma di frutta matura di questo splendido vino, vergato da suadenti soffi di pietra focaia. Il frutto sì esprime con suggestive note di pera, pesca e poi su un floreale esuberante e freschissimo. Al palato è ampio, vinoso, morbidissimo e supportato da una mirabile acidità.

 

James’ Tasting

Tenuta La Cà Calis 2015

92/100

Il Calis (Merlot, Cabernet Sauvignon, Corvina e Lagrein) conferma tutte le eccellenti impressioni ed è “la firma” della nostra degustazione. Il frutto è intenso, dipinto con pennellate di mora e mirtillo sublimi. Poi soffi di pepe e spezie, che rendono nel complesso un aroma veramente intrigante e sgargiante. La viola l’ultima sensazione prima di un assaggio polposo, materico, morbidissimo e intenso. Un vino di grande struttura che rimane comunque straordinariamente bevibile e fluido. Chapeau.

 

 

tenutalaca.it