GIANLUCA SAITTO: IL LATO SOSTENIBILE DELLA MODA

La nuova idea di couture sostenibile secondo Gianluca Saitto passa dalla sartorialità su misura: con la collezione primavera/estate 2020 il designer – sarto inaugura un approccio diverso alla consapevolezza nei confronti dell’ambiente proponendo una ready-to-buy couture assolutamente rivoluzionaria.


Una risposta al fast fashion e, contemporaneamente, un modo per salvaguardare l’essenza stessa della moda, legato
alla maestria delle lavorazioni e allo studio stilistico che fanno di un capo sartoriale un unicum ricco di valore; una nuova accezione data alla sostenibilità che non si basa più solo sull’uso di materiali ecosostenibili ma sull’atemporalità e sul riuso del capo acquistato.

Nel suo studio-atelier di Milano, il sarto-stilista propone, infatti, una collezione di capi tailor made creati solamente su ordinazione, cosa che li rende non solo pezzi unici ma che ha il vantaggio di ridurre gli sprechi di tessuto e le rimanenze in magazzino. E non solo. Ogni capo è personalizzato secondo le necessità delle clienti per diventare un unicum assolutamente senza tempo, da riutilizzare a seconda dell’occasione, da trasformare con gli anni e da tramandare di generazione in generazione come un gioiello di famiglia.

Sostenibilità, per me, significa valorizzazione della creatività di un prodotto sartoriale che custodisce la memoria delle lavorazioni preziose da cui ha preso vita: un capo che, come un gioiello, non si smette mai di indossare perché il tempo aumenta il suo valore e, soprattutto, riduce lo spreco di accantonarlo dopo averlo usato una sola volta” ha commentato Gianluca Saitto.

Sempre più l’attenzione per l’ambiente passa dal reutilizzo degli abiti: ultimi, in ordine di tempo, ad abbracciare questa tendenza, Anne Wintour e Joaquin Phoenix, che ha annunciato che indosserà lo stesso smoking per tutta la stagione delle premiazioni cinematografiche 2020. Non una moda passeggera ma un vero e proprio stile di vita che contribuisce alla salvaguardia del pianeta anche calcando un tappeto rosso e indossando un abito da sogno.

 

gianlucasaitto.it