LADY AMARENA 2019: COCKTAILS & BARLADY

I banconi dei bar nel mondo si tingono sempre più di rosa: non ci sono dati ufficiali, ma parlano le adesioni costantemente in crescita all’unico concorso internazionale dedicato esclusivamente alle donne specialiste di mixology: Lady Amarena, nato nel 2015 in occasione del centenario dall’invenzione dell’Amarena Fabbri. Invenzione, non a caso, femminile: fu proprio Rachele Fabbri, bisnonna dell’attuale dirigenza dell’azienda bolognese, a dare vita al prodotto, rivoluzionando le sorti di quella che era nata come piccola distilleria e divenuta oggi ambassador del gusto made in Italy nel mondo.

Andriani Vladimirou, Layamarena 2018

Le concorrenti sono arrivate a oltre 200 provenienti da 17 nazioni nel 2018, dopo che la competition è diventata internazionale e ha visto la nascita dell’edizione speciale Lady Amarena China, mercato in cui l’azienda opera già da decenni. Lady Amarena è tuttora l’unico concorso internazionale dedicato all’universo femminile della miscelazione professionale al mondo.

Promuoviamo da sempre sia la formazione professionale sia la creazione di opportunità lavorative per i giovani, in particolare nell’universo femminile” afferma Nicola Fabbri, quarta generazione della famiglia del fondatore “con Lady Amarena, però, vogliamo anche usare l’attenzione e la sensibilità proprie dell’indole femminile per promuovere un bere sempre più responsabile e consapevole, anche nei momenti di convivialità giovanile».

 

EDIZIONE 2019

Fenia Athanasiadi,  Lady Amarena 2017

L’edizione 2019 si caratterizza per la vocazione sempre più internazionale del concorso, che quest’anno si fa in 9. Saranno, infatti, 8 oltre l’Italia i titoli nazionali assegnati nel corso della competizione: Lady Amarena Spagna, Singapore, Corea, Cipro, Romania, Cina, Nigeria, UAE. Una scelta geografica che evidenzia in particolare lo stretto legame dell’azienda con i mercati dell’Est Europa e l’Oriente, dove il prodotto-icona Fabbri ha conquistato i palati dei consumatori locali.

Rumanera di Andriani Vladimirou, Layamarena 2018 (photo credits Bargiornale – Antonella Bozzini)

Oltre a quelle provenienti da queste nazioni possono iscriversi al concorso Barlady di tutto il mondo: accanto alle “regine” nazionali saranno, infatti, selezionate da una Global Desk Jury, tra tutte le concorrenti dal resto del mondo, altre tre finaliste. Saranno quindi in totale 12 le top Barlady partecipanti alla finalissima, in programma a Bologna per l’elezione di Lady Amarena 2019.

Cuore caldo di Fenia Athanasiadi, Lady Amarena 2017

Dal 20 maggio al 26 giugno le aspiranti Lady Amarena si sono potute iscrivere al concorso inviando, sul portale nazionale dedicato (per le 9 nazioni partecipanti) o sul portale internazionale, la ricetta del proprio cocktail inedito, creato utilizzando Amarena Fabbri, Mixybar Amarena Fabbri o Marendry Bitter Fabbri. Il cocktail – alcolico o analcolico – dovrà contenere non più di cinque ingredienti. Largo anche a basi di caffè, latte o tè, pensati per un pubblico giovane, che ha voglia di sperimentare e che è attento all’aspetto salutistico. I criteri da soddisfare sono Gusto ed equilibrio – Presentazione ed estetica – Comunicazione sia orale che scritta, rigorosamente in inglese – Replicabilità (reperibilità degli ingredienti, tempo di esecuzione e costo finale) – Tecnica. Secondo questi criteri, i cocktail in gara dovranno superare più livelli di selezione da parte delle Giurie di esperti, che opereranno sia Desk sia Live in ciascuna nazione, in stretto coordinamento con gli uffici Fabbri1905 locali.

Amarena Breakfest di Anett Malomhegyi, Ladyamarena 2016

Le Giurie arriveranno così a individuare la rosa delle 12 finaliste che voleranno a Bologna per un indimenticabile viaggio ospiti dell’azienda in occasione delle finali ad ottobre, durante le quali sfidarsi alla conquista del prestigioso titolo di Lady Amarena.

 

 

ladyamarena.it

 

Cover: Anett Malomhegyi, Ladyamarena 2016