TENNESSEE RYE: IL NUOVO WHISKEY MADE IN JACK DANIEL’S

Ci sono sapori che non hanno bisogno del palato per essere riconosciuti; basta che le dita sfiorino appena le curve che li custodiscono per comprendere al volo con cosa abbiamo a che fare.
La bottiglia del Jack Daniel’s è certamente uno di quei prodotti che non richiede presentazioni, con la sua linea squadrata che racchiude un whiskey morbido e seducente.
Dal 1866 la distilleria fondata da Jasper Newton Daniel ha convinto i suoi fedeli con un perfetto mix di mais, segale e orzo maltato provenienti dal cuore degli Stati Uniti.
Ma al Roma Bar Show appena conclusosi, ha tirato fuori il coniglio dal cilindro presentando la novità pensata dal settimo Maestro distillatore Jeff Arnett: il Jack Daniel’s Tennessee Rye.

Tennessee Rye è il risultato di una miscela perfetta, studiata con cura per avere un prodotto equilibrato e allo stesso tempo corposo. Un lavoro premiato con la medaglia d’oro alla World Spirits Competition di San Francisco e l’eccellente punteggio di 94/100 alla Ultimate Spirits Challenge del 2018.
Un prodotto unico nel suo genere, dal gusto distintivo e dal carattere forte: imbottigliato al 45%, scalda le papille con una punta di caramello e spezie, seguito da un finale caldo e pepato. L’aroma è un mix di frutti di bosco, spezia di segale e quercia.
Ogni bottiglia, prodotta nella storica distilleria di Lynchburg, in Tennessee,  racchiude al suo interno gli oltre 150 anni di storia del brand abbinati alla nuova esperienza portata da questo cereale; il nuovo nato in casa Jack Daniel’s è composto infatti al 70% da segale, al 18% da mais e al 12% da malto d’orzo e viene invecchiato in botti di rovere americano bianco carbonizzato, che danno al prodotto un sapore inconfondibile.

Dopo il lancio di Single Barrel Rye nel 2016, abbiamo sentito molti amici che apprezzavano il whiskey di segale” afferma Jeff Arnett. “Il nostro obiettivo era quello di creare un whiskey versatile, con un bilanciamento di sapori che permette di gustarlo sia liscio che on the rocks o nei classici drink americani, come l’Old Fashion”.
La bottiglia è ispirata allo storico Old N° 7, con tutti i tradizionali elementi che rendono il brand unico e inimitabile, e caratterizzata da un’etichetta testurizzata a pergamena di colore verde, ad indicare la categoria della segale e il sapiente lavoro artigianale dietro il prodotto.

Non resta che stabilire come bere la novità di casa Jack Daniel’s, magari nelle varianti Rye ball o Tennessee Rye Manhattan.

 

JACKDANIELS.COM