HOTEL DER WALDHOF2, BENESSERE “AL QUADRATO”

L’infinity pool a sbalzo che guarda al suggestivo Castello di Mayenburg edificato nel XII secolo, non è l’unico motivo per soggiornare all’Hotel Der Waldhof2 di Foiana (BZ). Un resort Belvita Leading Wellnesshotels Südtirol 4 stelle superior, di proprietà della famiglia Mahlknecht, apparentemente defilato dalle consuete rotte turistiche, che cela notevoli attrattive a partire dalla spettacolare vista sulla sottostante conca di Merano e alla natura lussureggiante dei dintorni, ricca di boschi e vigneti, per non parlare dei 700 chilometri di sentieri che si dipanano dalla vicina Val d’Ultimo con i suoi larici millenari dichiarati dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.

A settecento metri di altitudine Der Waldhof2 a pochi minuti da Merano, è una meta di relax e wellness dove dedicarsi a sé stessi vivendo un’esperienza unica per rigenerarsi dallo stress della frenetica vita di città. Un resort a carattere familiare, realizzato in materiali naturali, che nel corso degli anni si è ampliato con la costruzione della nuova ala e della Spa, migliorata anno dopo anno. “L’Hotel venne costruito nel 1973 da mio zio” racconta Kuno Mahlknecht, attuale proprietario insieme alla moglie Dorothea e al figlio Stefan “non c’era ancora la piscina allora, nel primo periodo verrà dato in gestione e poi in affitto, sempre garantendo atmosfera familiare e buona cucina. Poi nel’88 l’abbiamo preso io e mia moglie, qualche anno dopo costruendo l’ala nuova che oggi ospita la collezione di minerali dello zio, oltre 1500 pezzi provenienti da tutto il mondo, che abbiamo voluto collocare nell’hotel per ricordarlo, alcuni pezzi sono molto rari, come quello della sala grande che arriva dall’Arkansas”.

Ambienti comuni dagli spazi ampi che conservano un’atmosfera intima grazie all’impiego di legno che da calore e favorisce le relazioni, mentre le stanze, dalle 40 iniziali ora sono diventate 86, arredate in legno e dotate di tutti i confort, alcune con ampi balconcini panoramici e con uno zaino per il trekking a disposizione per effettuare escursioni, scegliendo tra gli itinerari consigliati da Dorothea Mahlknecht. “Quando abbiamo deciso l’ampliamento” prosegue Kuno Mahlknecht “ci siamo detti che lo avremmo fatto rispettando la natura, ‘avremmo tolto qualcosa al bosco, ma avremmo restituito qualcosa al bosco’, e abbiamo cercato di impiegare più materiali naturali possibili, i piani dell’ala nuova ad esempio sono totalmente in legno di larice e la parte esterna non è stata volutamente verniciata in modo che il legno anche se scolorisce possa respirare, mentre per il riscaldamento impieghiamo il pellets”.

La parte esterna comprende 3 ettari di parco, un bel giardino con area kids e un sentierino (con un inatteso sottofondo di musica classica) che conduce attraverso il bosco a un delizioso laghetto con vista su Merano e le cime circostanti. L’ecosostenibilità è un elemento tenuto in gran conto al Der Waldhof2 attraverso piccole scelte quotidiane, come quella di stampare i menù e i materiali che occorrono, avvalendosi della prima tipografia a zero emissioni di CO2 dell’Alto Adige, vicina a importanti progetti di riforestazione; ma anche impegnandosi nella raccolta differenziata e nella sostituzione degli attrezzi da giardinaggio con modelli elettrici. All’interno della struttura non si usano bottiglie di plastica, ma solo vetro; l’illuminazione esterna è regolata da un sistema di controllo della luce diurna con LED a basso consumo; è stata istallata una funzione anti spreco nei rubinetti di tutto l’hotel e si utilizzano saponi equo e solidali Fair CosmEthics.

Una sopraffina cucina gourmet che non ti aspetti ispirata dallo chef Tibor Sztepanek, rallegra tutti i momenti della giornata del Waldhof2, scandendo i tempi agli ospiti. Il percorso dello chef ungherese eletto “Scoperta dell’anno 2016” da “Großen Restaurant & Hotel Guide”, è di assoluto rilievo, viene da solide esperienze nelle cucine dei più prestigiosi ristoranti tre stelle Michelin tedeschi, lavorando accanto a Christian Jurgens del ristorante Uberfahrt; Dieter Müller dell’hotel Schlosshotel Lerbach; Sven Elverfeld di Aqua al Ritz Carlton Wolfsburg; ma è anche stato oltre due anni sous chef di Norbert Niederkofler tristellato del St.Ubertus. Una cucina naturale e leggera di grande piacevolezza, con impiego di tecniche contemporanee e creatività a piene mani, attingendo alle suggestioni della cucina mediterranea, al suo vissuto e alla più tradizionale cucina sud tirolese, attingendo a materie prime locali. Si comincia con un sontuoso breakfast, a base di formaggi, salumi di valle, l’immancabile speck, e una ricca carta delle uova con una quindicina di diverse varianti comprese omelette, crepes e waffer home made alla salsa di vaniglia, tutte preparate al momento. Alle 13 un pranzo leggero; al pomeriggio uno stuzzicante buffet a base di torte e dolci tipici; e infine la cena con proposte che cambiano sempre. Golosi gli gnocchi alla ricotta con essenza di gallina nera di Brest; succulenti e sapidi gli gnocchi ai funghi e schiuma alle erbe; fragrante la quiche loraine allo speck; golosa la tartar di manzo, wasabi e pancarrè al burro; notevoli le verdure rese intense e croccanti da cotture ben calibrate e da un riuscito fondo al pesto di basilico e pinoli; di grande qualità la selezione dei formaggi con diverse proposte locali; da non perdere il capitolo dolci altrettanto goloso, con il sorbetto al lampone, il bunite al cioccolato e su tutti il semifreddo al torroncino con salsa di arance e Grand Marnier, semplicemente straordinario.

La cantina viene presa molto seriamente dalla proprietà e da Milan Kalinovic, sommelier terzo livello Ais, di origini serbe, ma arrivato a Bolzano circa venti anni fa e insediato al Der Waldhof2 da 5 anni. Oltre 180 etichette scelte prevalentemente sul territorio per dare spazio alla viticoltura sud tirolese e un 20% di cantine italiane ed europee, tutte proposte con garbo ed esperienza perché possano coniugarsi al meglio con i piatti di Tibor. Per il dopo cena da non perdere la selezione di distillati premium sudtirolesi, gin, brandy, whisky e grappa del territorio, impiegati nella miscelazione o proposti in purezza. L’esperienza del Der Waldhof non può dirsi completa senza provare il centro benessere appena rinnovato, con tre piscine, inclusa la nuovissima infinity pool a sbalzo; sei saune compresa l’ultima nata, con le gettate di calore, che può accogliere fino a cinquanta ospiti, la biosauna panoramica in legno di abete rosso, il bagno turco, la doccia di ghiaccio, il bagno di vapore purificante al sale, la sauna finlandese in legno di pino cembro, il bagno di vapore secco “Blumenwiese”, la casetta di legno per due, la doccia a chiocciola energizzante, il percorso Kneipp. I più sportivi apprezzeranno le due palestre, una per il corpo libero e l’altra cardio, sospesa sul giardino e dotata di grandi vetrate; insieme a grandi spazi relax panoramici ubicati in più punti esterni ed interni, mentre sono disponibili trattamenti personalizzati con prodotti Vitalis, Ella Baché, Ägyptos e Alpienne, per bagni di erbe naturali, trattamenti rilassanti viso, maschere, peeling, manicure, impacchi energizzanti e pedicure. Il Waldhof2 è parte del circuito Belvita Leading Wellnesshotels Südtirol (www.belvita.it), alberghi quattro e cinque stelle, a conduzione familiare, posti in luoghi affascinanti e ameni del sud Tirolo che si distinguono per offrire servizi di prima classe e un esclusivo centro benessere.

 

 

derwaldhof.com

 

Photo credits Belvita Hotel Der Waldhof2