UN INDIMENTICABILE VIAGGIO IN CORNOVAGLIA

La Cornovaglia è una penisola che si trova nella parte sud-ovest della Gran Bretagna, diventata celebre grazie ai suoi splendidi paesaggi naturali. Per la bellezza dei suoi panorami e per il suo clima che resta mite per tutto l’anno, la Cornovaglia è una delle mete più apprezzate dai turisti in cerca di un po’ di sano relax in mezzo alla natura.

 

Pianificare il viaggio

Se si vuole visitare la Cornovaglia in estate, i mesi più indicati sono sicuramente giugno e luglio, periodo in cui le temperature sono più alte e le condizioni meteo più stabili. Data la fama di terra piovosa della Gran Bretagna, però, è meglio portare sempre con sé tutto l’occorrente per ripararsi da eventuali temporali estivi.

St Michael’s Mount

Considerata la sua posizione, oltre al volo aereo dall’Italia per Londra bisogna considerare il lungo tratto da fare in autobus o treno: per raggiungere la Cornovaglia sono infatti necessarie circa 7 ore di viaggio; una buona alternativa è rappresentata dall’auto, che offre una maggiore libertà di movimento in questo senso. Infine, per una rispolverata alla lingua inglese si può magari utilizzare un dizionario online come quello di Babbel, pratico e sicuramente di supporto in una vacanza all’estero.

 

Cosa vedere in Cornovaglia

St Michael’s Mount

St Michael’s Mount è una piccola isoletta che può essere raggiunta anche a piedi nelle ore di bassa marea, grazie a una lingua di terra che la collega alla terraferma (proprio come il più famoso Mont Saint-Michel che si trova in Normandia, anch’esso dedicato all’arcangelo Michele). Una volta arrivati sull’isola potrete visitare il castello, aperto al pubblico solo in parte perché ancora abitato dalla famiglia di Lord St. Levan. Oltre al castello, anche la piccola Chiesa costruita nel 1135 merita una visita, insieme ai giardini a terrazza, pieni di fiori e piante esotiche.

St Ives

Un altro luogo da non perdere in Cornovaglia è St Ives, uno dei borghi più caratteristici di questa zona. Con il suo porticciolo, le sue casette in pietra e le viuzze strette, St Ives ha l’atmosfera tipica delle cittadelle di pescatori, e non è un caso se ha ispirato molti artisti durante le loro creazioni.

Glastonbury

Una terza tappa da inserire nell’itinerario in Cornovaglia è senza ombra di dubbio Glastonbury, una piccola città del Somerset appena sotto Bristol, legata alle leggende su Re Artù e sua moglie Ginevra (le cui ossa pare siano state seppellite proprio qui). Qui si può visitare l’abbazia resa nota dalle ipotesi sull’esistenza del Santo Graal. Per assaporare la vera essenza della Cornovaglia da non perdere la Penisola di Lizard, che termina con Capo Lizard, l’estremità più a sud della Gran Bretagna dove si possono ammirare una delle attrazioni più belle della zona: parliamo di Kynance Cove, caratterizzata dai suoi splendidi paesaggi naturali e dalle sue spiagge candide sovrastate da faraglioni.

 

Cosa mangiare in Cornovaglia

Cornish pasty

Scoprire nuovi luoghi implica anche provare la cucina del posto, assaggiando i piatti tipici preparati secondo la tradizione. Una delle cose da provare assolutamente in una delle bakery della zona è il cornish pasty, un pasticcio a forma di mezzaluna e con il bordo ripiegato fatto con pasta frolla (ma anche pasta sfoglia) che può essere sia dolce sia salato: da provare entrambe le versioni, con la marmellata e con lo spezzatino di carne. Un’altra specialità della Cornovaglia è il fish pie, un tortino di sfoglia con ripieno di pesce, uova, formaggio e patate. Oltre a questi e altri piatti tipici della zona naturalmente si trovano ovunque il classico fish and chips, come in tutte le altre zone del Regno Unito.