A Dalmine, in una delle poche case del Fascio rimaste in Italia, sapientemente ristrutturata, in più di tre anni di duro lavoro, sorge l’Osteria del Conte, trasferitasi qui da una location molto più piccola, a poca distanza.

Lo chef è Riccardo Crepaldi, un ragazzone di quarant’anni, con molta gavetta alle spalle, che racconta i suoi risotti con una passione infinita.

Questo è un luogo inaspettato, un piccolo capolavoro di eleganza che si sviluppa tutto in verticale.

Ingresso nel vecchio sacrario, quattro piani, balconcino da cui, pare, si affacciò Mussolini, finestre dell’epoca che riempiono di luce gli spazi, una sala privata e una piccolissima saletta riservata a soli due ospiti, all’interno della vecchia Lanterna ad oblò, in cui cenare in totale privacy, con cameriere dedicato a richiesta.

Un interno caldo ma essenziale, che si lega meravigliosamente all’esterno rigoroso, senza mai cadere nel banale. Dettagli differenti che creano un insieme armonioso.

È stato inaugurato il 14 febbraio 2018, come un monito d’amore, quello della signora Raffaella, che nel suo ristorante ci ha messo tutta sé stessa.

E racconta di quando lei e il marito ci passavano davanti sognando di trasformarlo nel loro luogo, di quando ci entrarono per la prima volta “e non c’erano nemmeno le scale, ma una betulla che svettava per quasi tutta l’altezza del rudere”.

Un posto che sa di casa, una bella casa. Un posto che piace a tutti.

D’altra parte la bellezza è universale, la bellezza piace a tutti.

Contacts

OSTERIA DEL CONTE, DALMINE (BG)

Address

Piazza della Libertà, 4
Dalmine (BG) 24044
Italia

Map