FRESCOBALDI IN CHIANTI: I VINI DI TENUTA PERANO

Frescobaldi incarna l’essenza della Toscana, la straordinaria vocazione per la viticoltura e la varietà dei territori. La sua unicità nasce dalla rappresentazione di queste differenze, dalle sue sette Tenute e dai vini che esprimono un caleidoscopio di aromi e sensazioni, figlie delle caratteristiche di ogni singolo terroir.

Il nostro stile è far parlare la terra e i territori” ci dice Lamberto Frescobaldi “I terreni, le cui caratteristiche variano da tenuta a tenuta, vengono scelti sulla base della vocazione. Abbiamo profondo rispetto per la storia delle zone di produzione, che vogliamo rappresentare fedelmente. L’obiettivo è il più alto livello di qualità nell’assoluto rispetto della tipicità delle nostre uve, che sono l’espressione del territorio. Questo impegno è la nostra sfida quotidiana”.

Frescobaldi, Tenuta Perano

Le sette tenute sono: Castello Pomino (Pomino), Castello Nipozzano (Nipozzano), Tenuta Castiglioni (Montespertoli), Tenuta CastelGiocondo (Montalcino), Tenuta Ammiraglia (Magliano in Toscana), Remole (Sieci), e l’ultima entrata, la Tenuta Perano (Gaiole in Chianti). Ogni tenuta è gestita come una singola entità, con propri responsabili, per la viticultura, la vinificazione e l’affinamento.

Frescobaldi ha festeggiato l’entrata in Chianti Classico presentando due nuovi vini: Tenuta Perano Chianti Classico 2015 e Tenuta Perano Chianti Classico Riserva 2015. La Tenuta Perano, che si estende per 250 ettari di cui 52 di Chianti Classico, è localizzata principalmente nel Comune di Gaiole in Chianti, in una situazione pedoclimatica eccezionale per unicità e qualità. La favorevole esposizione a sud-ovest con una forma ad anfiteatro dei vigneti, favorisce l’insolazione, concentra il calore, avendo la peculiarità delle zone alte con la luminescenza delle zone più basse, grazie anche al sasso di calcare bianco cristallo affiorante che con la sua rifrazione permette di dare alle vigne poste a 500mt slm. un vino strutturato. L’estate è caratterizzata da un clima secco e asciutto, mentre settembre da forti escursioni termiche tra il giorno e la notte.

L’insieme di altimetria, esposizione, configurazione e pendenza dei vigneti di Tenuta Perano rappresenta un’unicità qualitativa straordinaria: questo rende i vini ricchi di aromi fruttati, intensi, e conferisce grande struttura ed eleganza.

La tipologia del terreno è caratterizzata da un elevato contenuto in scheletro e da forti pendenze (15 – 20%) che ne potenziano la capacità drenante. L’azienda è dotata di un’ampia cantina, recentemente costruita, adatta sia per la vinificazione che per l’affinamento.

Lamberto Frescobaldi

Lamberto Frescobaldi, Presidente della Frescobaldi, ci racconta le fasi del progetto: “siamo arrivati in questa meravigliosa azienda a marzo 2014 e abbiamo impiegato un anno per comprenderne ed esaltarne le peculiarità e le potenzialità, decidendo così di non mettere in commercio la vendemmia 2014, ma solo quella successiva, il 2015, un’annata estremamente qualitativa che ha prodotto vini di grande complessità e longevità. Questo perché abbiamo voluto con determinazione acquistare questa Tenuta e produrre vini che sappiano esprimere al massimo il carattere del suo terroir. A questi due vini si andrà ad affiancare nel 2019 il vino di riferimento dell’azienda la Gran Selezione da specifico vigneto”.

Per Nicolò D’Afflitto, enologo dei Frescobaldi, “l’annata 2015 è da considerarsi straordinaria per intensità di profumi e ricchezza di tannini. L’inverno, rigido e ricco di precipitazioni, è stato caratterizzato da gelate intense e molta neve. L’aumento delle temperature primaverili ha permesso alle viti di germogliare in anticipo e ha favorito lo sviluppo della superficie fogliare con una parete vegetativa molto estesa e completa. Gran parte del merito per la straordinaria annata, va in ogni caso attribuito all’estate, estremamente calda e contraddistinta da due leggere piogge a metà agosto. La vendemmia è iniziata a metà settembre con il Sangiovese, da vigneti più giovani con uve di eccezionale sanità e qualità. La raccolta è poi proseguita dal 21 settembre con il Sangiovese dai vigneti più maturi”.

 

Tenuta di Perano 2015 – 89/100

 

Chianti classico DOCG con sangiovese in maggioranza. La fermentazione alcolica viene effettuata in contenitori inox termocondizionati e poi 24 mesi di affinamento tra barrique ed acciaio. Il vino si presenta di colore rubino brillante, elegante nei profumi con al naso sentori di prugna e mora, dovuti all’altimetria, seguono sentori floreali, note balsamiche, un bel minerale con note speziate. In bocca troviamo una bella sapidità e freschezza, tradizionale tessitura tannica del chianti Classico che lascia il palato fresco. Vino di struttura con il legno ben equilibrato, complesso ed elegante, di grande classe.

 

Tenuta di Perano Riserva 2015 – 91/100

 

Chianti classico DOCG, sangiovese in maggioranza, e una piccola parte di Merlot. La fermentazione alcolica viene effettuata in contenitori inox termocondizionati con un affinamento in botti di rovere di Slavonia per 24 mesi. Colore rubino pieno, al naso sentori floreali di viola, frutta scura ed evidenti sentori di caffe’, torrefazione, tabacco e una straordinaria nota balsamica. In bocca ritorna una piacevole nota fruttata, note speziate ben presenti, una bella mineralità pietrosa, con un finale lungo e armonico.

La filosofia aziendale si riassume nella frase “cultivating Toscana diversity” che sancisce il legame della famiglia con la varietà del territorio toscano. Ci congediamo con Lamberto Frescobaldi ascoltando le sue parole: “la gioia dei piccoli momenti, il piacere dei sapori e del gusto: queste le sensazioni che offre la Toscana e che Frescobaldi vuole dedicare a tutti coloro che vedono nel vino una cultura al di là della vigna e dell’uva. Il mio sogno e quello della mia famiglia è condividere lavoro, emozioni e passione attraverso i nostri vini. Una vita dedicata a capire e a valorizzare questi terroir rendendoli parte dello spirito della Toscana come arte del bello e del buono. Mille anni di storia di questa famiglia sono per me un tesoro unico ed irripetibile di conoscenze e tradizioni; il mio dovere è condividere e trasmettere alle generazioni future rispetto, passione e amore per questi luoghi e per queste colline eterne”.