NEVE, SBAGLIATO E ALE SENSO, ARTE URBANA A RIETI

Dopo aver consegnato a Rieti l’opera Al suono delle trombe, realizzata da Ozmo nel mese di maggio 2019, sul Palazzo di Giustizia di Via Borsellino, il progetto TraMe, dell’agenzia The Uncommon Factory, a cura di Annalisa Ferraro, sostenuto dalla Regione Lazio e dai Fondi FESR, consegna alla città le opere di arte urbana firmate da Neve, Sbagliato e Ale Senso, opere della contemporaneità , espressioni artistiche di un presente che non dimentica il proprio passato. Filo conduttore di tutti gli interventi è stato, infatti, il costante riferimento alle pitture murali conservate in città, diventate nel tempo punto di riferimento per la collettività, a quelle tracce del passato che abitanti e specialisti del settore si sono impegnati a preservare e a tramandare ai posteri. Gli artisti si sono confrontati con tre contesti molto differenti tra loro, tutti però centrali nella cultura reatina, fondamentali per ricostruire le vicende storiche che hanno attraversato la città.

 

Neve

Il Miracolo di Sant’Elia

Neve, Il Miracolo di Sant’Elia

Neve, tra i più rinomati esponenti del neomuralismo italiano, noto per l’uso del figurativo come mezzo di espressione, porta a Rieti i suoi ritratti iperrealistici, immersi nei suoi caratteristici chiaroscuri caravaggeschi. L’opera è stata realizzata su una superficie di quasi 50 metri, nella storica frazione di Sant’Elia, tappa fondamentale del Cammino Francescano, in cui si conserva l’affresco raffigurante San Francesco che detta la Regola e la memoria del miracolo “La guarigione dei buoi di Sant’Elia”.

Neve, Il Miracolo di Sant’Elia

Calatosi perfettamente nella drammaticità del momento, così come descritto dalle fonti francescane, e immedesimatosi nello stupore e nel sollievo che il miracolo dovette generare, l’artista ha progettato per la città un’opera evocativa, unica nella sua rappresentazione ma assolutamente decodificabile per chi si troverà a percorrere quella strada e il cammino religioso su di essa insistente. Con la sensibilità che lo contraddistingue, con la grande forza emozionale che caratterizza i suoi lavori, Neve dona alla città di Rieti un’opera antica, in grado di confondersi con i migliori dipinti del ‘600, e al tempo stesso un’opera contemporanea, in grado di raccontare angosce, paure e speranze dei nostri tempi.

 

Neve

Neve

Considerato uno degli esponenti più rinomati del neomuralismo in Italia, Neve inizia a dipingere sui muri di Torino nel 1995. Con le mani regolarmente tinte di vernice, non perde occasione per lasciare la sua impronta e ricercare il suo stile. L’amore per l’estetica e per il classicismo lo porta a coniugare l’arte urbana con quella accademica, grazie all’uso del figurativo come mezzo di espressione. Neve ha dipinto a mano libera muri iperrealistici di titaniche dimensioni in tutta Europa. Ha esposto opere ovunque nel mondo, sperimentando linguaggi differenti e padroneggiando diverse tecniche.

 

Sbagliato

Strappo alla Regola

Sbagliato, Strappo alla Regola

Il Museo Civico, nella sede di Via Sant’Anna, ha accolto l’intervento di Sbagliato, il collettivo romano che, attraverso l’utilizzo di poster semi-permanenti è in grado di abbattere il confine tra realtà e illusione. Individuato un dettaglio dell’affresco di Domenico Papa, La madonna protegge i fedeli dagli strali della peste (1482-1484), conservato nella Chiesa di San Domenico, il collettivo ha lavorato per integrarlo al contesto offerto dal Museo Civico, nel suggestivo porticato coperto da volte a crociera dell’ex Monastero di S. Lucia. Attraverso un ingrandimento dei campioni prelevati fotograficamente dal contesto originario, Sbagliato ha colto il momento intenso e drammatico, eppure rigoroso, della preghiera.

Sbagliato, Strappo alla Regola

Sbagliato, Strappo alla Regola

I soggetti protagonisti dell’opera originale, la Madonna della Misericordia e la figura severa di Dio, sono qui solo evocati, attraverso la devozione e la sacralità con cui angeli e Santi gli si rivolgono. Attraverso un leggero trattamento cromatico, l’opera appare perfettamente assorbita dalla superficie, rendendo per un attimo reale un pezzo di storia mai avvenuto: Domenico Papa, duecento anni dopo la fondazione del complesso monumentale, ne affresca una delle pareti, regalando alla città e ai suoi fedeli un’altra opera preziosa, di grande valore per i contemporanei e per i secoli a venire.

 

Sbagliato

Sbagliato

Sbagliato, progetto artistico fondato nel 2011 da tre architetti e designers romani, nasce dal desiderio di generare un’interferenza nel tessuto urbano, creando “varchi” all’interno dell’ordine rigido composto dalle architetture. Tale esigenza si esprime e realizza attraverso l’utilizzo del poster, mezzo di comunicazione ideale per la sua natura effimera e per l’attitudine mimetica, caratteristiche distintive della poetica del gruppo. Le installazioni visionarie di Sbagliato sono il risultato di una sinergia tra architettura, grafica, fotografia e collage, attraverso la quale gli elementi architettonici possono essere “campionati”, elaborati e riproposti nel contesto urbano, in modo eterogeneo ma non casuale. Negli ultimi anni Sbagliato ha partecipato a molteplici manifestazioni di Arte Pubblica e realizzato interventi in giro per il mondo.

 

 

Ale Senso

L’uno nell’altro

Ale Senso, L’uno nell’altro

Infine, Rieti ha accolto Ale Senso, artista abituata a lavorare sulla rappresentazione antropomorfica delle emozioni umane, attratta da vicende intime e collettive che restituisce in chiave simbolica e onirica. Ale Senso è intervenuta sulla facciata della Camera di Commercio dopo aver esplorato il panorama culturale della città e dopo aver operato una sintesi tra i riferimenti culturali e storico-artistici, raccolti sul territorio, e i reperti archeologici, individuati nella Sezione Archeologica del Museo Civico.

Ale Senso, L’uno nell’altro

Un’anfora romana custodisce al suo interno una piccola anfora sabina, in un rapporto di dipendenza e di scambio intercorso tra le due culture, l’una, la prima, nata sulle spalle dell’altra, più antica e già solida. Immerse in un rigoglioso fogliame, allegoria dell’ancora autentico patrimonio naturalistico che avvolge il territorio reatino, prezioso per l’agricoltura e per il turismo, le due anfore, che ricordano i trasporti di beni alimentari, poggiano le loro basi su quel che sembra essere il ponte cittadino, un tempo principale via del commercio, ma che, come una ruota dentata, si fa, al tempo stesso, rappresentazione simbolica dell’industria, fulcro dell’attuale economia locale. Mani e braccia forti di lavoratori del luogo si fanno sostegno della storia e della cultura della città.

 

Ale Senso

Ale Senso

Alessandra “Senso” Odoni si diploma all’Accademia di Brera. Il suo percorso artistico legato ai graffiti e alla street art ha inizio nella seconda metà degli anni ’90.Nel 2007 avvia il progetto Derelict Building per il quale realizza interventi pittorici performativi volti a trasformare edifici dismessi in spazi artistici. A Berlino, città in cui ha sede il suo studio, nasce il progetto Apartament A. 8 Murales che trasforma un piccolo appartamento in un polo culturale. Sviluppa in forma metaforica e metamorfica le emozioni umane indagando l’uomo come ente autonomo e nella sua relazione con l’ambiente sociale e naturale. Recentemente sta indirizzando le sue riflessioni sull’influenza della tecnologia su molteplici aspetti della vita, dal sociale alla sessualità.

 

 

Il Progetto

Il progetto TraMe-Tracce di Memoria, ideato e realizzato da The Uncommon Factory, società specializzata in progetti di marketing e comunicazione, con un focus sulle innovazioni digitali in ambito commerciale, culturale e artistico, porta a compimento l’attività Linguaggi contemporanei tra affreschi e street art, consegnando alla città un patrimonio artistico nuovo, assolutamente contemporaneo, vivo nel presente ma strettamente connesso al passato di Rieti, alla sua cultura e alla sua ricca tradizione storico-artistica. Con il completamento del ciclo di seminari e la realizzazione delle opere di arte urbana, The Uncommon Factory traguarda uno dei principali obiettivi del progetto, alimentare il confronto con la collettività e stimolare la creazione di sinergie tra le realtà locali e gli attori esterni coinvolti nelle attività culturali. A dimostrazione di questo risultato, lo sviluppo di una collaborazione inaspettata tra il Comune di Rieti e l’artista Neve che, innescatasi nel corso dell’iniziativa Linguaggi contemporanei tra affreschi e street art, ha dato oggi a Rieti l’opportunità di poter godere di un’ ulteriore opera, nel cuore della città, nel porticato esterno del Palazzo Comunale.

 

 

tra-me.org

 

Cover: Ale Senso, L’uno nell’altro

Photo credits Marco Bellucci