A FIRENZE RIAPRE IL MITICO PASZKOWSKI

Dopo un’importante ristrutturazione e nel rispetto dei vincoli dettati dalla Soprintendenza delle Belle Arti, riapre Caffè Concerto Paszkowski. Un progetto che interessa sia gli spazi dedicati ai clienti, che i laboratori e le zone di produzione e servizio.

In questo periodo di incertezze e paura lo storico Caffè riapre con l’obiettivo di portare un segnale di speranza per il centro storico di Firenze, per tornare ad essere oggi come un tempo, esempio di eccellenza e punto di ritrovo tra persone, senza perdere di vista l’importante distanza di sicurezza sociale.

Il “nuovo” Caffè Concerto Paszkowski si rinnova con l’obiettivo di rimanere fedele a sé stesso: da sempre punto di riferimento nel centro storico fiorentino, caratterizzato da un’eccellente proposta di pasticceria, caffetteria, ristorante e cocktail bar.

Il significativo lavoro di rinnovamento dei locali, deciso e fortemente voluto dalla famiglia Valenza, ha seguito le logiche di una priorità ambivalente, cioè quella di un rinnovamento estetico radicato nella tradizione storica del caffè, ma anche in nuove e contemporanee esigenze di utilizzo e di servizio. Il progetto d’interni di tutti gli spazi aperti al pubblico è stato curato dagli architetti Paolo Becagli, Alessandro Interlando e Nicola Urbinati, mentre l’adeguamento funzionale delle aree operative e tutti gli aspetti tecnico-normativi, dall’architetto Alessandro Consigli.

La volontà progettuale generatrice di nuovi spazi è stata organizzata intorno a scelte considerate determinanti ed indispensabili, sia dalla proprietà che dagli architetti: prima fra tutte, il recupero e la valorizzazione di elementi d’arredo esistenti, come la boiserie che riveste le pareti delle sale da tè, così come i tavoli e le poltroncine, arricchite da tappezzerie di velluto pensate in coordinato a nuovi tendaggi e panche divano, disegnate ad hoc per il completamento della galleria e del mezzanino. Il nuovo assetto dell’area del bancone, radicalmente modificato nell’attenzione al servizio, ma anche nel segno estetico, insieme alle pareti retrobanco, sono tutti caratterizzati da scelte materiche e cromatiche conseguenti a ricerche storiche e stilistiche lungamente studiate e dibattute. Infine la cura importante dedicata all’omogeneità e alla coerenza, che si ritrova nel mosaico marmoreo della pavimentazione, esteso a tutte le sale del locale, così come nel rinnovato utilizzo dei lampadari in vetro di Murano, preesistenti ai lavori, ma in parte riposizionati secondo un accurato progetto illuminotecnico complessivo.

Il nuovo Caffè Concerto Paszkowski guarda con ottimismo al futuro, senza dimenticare la profonda eredità ricevuta dal suo passato e dalla sua Firenze.

 

LA CAFFETTERIA

Al Caffè Concerto Paszkowski il rito del caffè si tramanda da anni. Un momento di piacere in una cornice senza tempo, che si accompagna perfettamente con la grande varietà di produzione dolciaria da sempre protagonista della cultura fiorentina. Fedele alla tradizione del gusto e mantenendo inalterate le ricette, Caffè Concerto Paszkowski si rinnova nelle forme per adeguarsi alla contemporaneità. La territorialità e la storicità sono le protagoniste della nuova proposta, sapientemente interpretata in chiave moderna dai maestri pasticceri, Massimo Davitti e Francesco Lippi. La qualità è enfatizzata dalla rigorosa ricerca di materie prime, lavorate con arte, risultato di una produzione eccellente. Da ricordare, il toast classico, un must have di Paszkowski, dove la ricetta del pane in cassetta, trova il segreto del suo successo.

 

LA NUOVA CUCINA

Fabio Barbaglini guida la cucina di Caffè Concerto Paszkowski in questo nuovo corso. La proposta gastronomica elaborata dallo Chef ha come obiettivo quello di introdurre uno stile più contemporaneo e trasversale, senza mai snaturare l’identità del Caffè Storico. Il menù di riapertura comprenderà i piatti classici del caffè e della tradizione, mentre più avanti, quando l’emergenza rientrerà e si tornerà alla normalità, si prevede l’aggiunta di proposte più creative, strutturate e differenziate anche per fasce temporali. La proposta prevederà un lunch menù che rispecchia lo stile del bistrot italiano, insieme a menù all day composto da snack, toast e piatti più semplici e veloci ed un un’offerta più elaborata e formale per la cena. “E’ fondamentale che la proposta culinaria sia aderente al luogo in cui viene servita, lo scopo è la ricerca di qualcosa che possa adattarsi a ciò che il caffè storico rappresenta, un luogo di incontro e socialità, ma anche un salotto. Quello che voglio creare da Paszkowski è un tipo di cucina che abbia come base preparazioni classiche, ma che sia anche aperta a nuove esperienze” spiega Fabio.

Lo scopo è fin da subito quello di parlare di due cucine, quella classica e quella contemporanea, ma sempre comprensibile e comunicabile. Soprattutto una cucina semplice e leggera con materie prime di alta qualità, trattate con processi e metodi di cottura che ne valorizzano il gusto, senza alterarne le proprietà nutraceutiche.

 

Il COCKTAIL BAR

Il cocktail bar del Caffè Concerto Paszkowski, da sempre punto di riferimento nel mondo della mixology, continua il suo percorso di crescita e si distingue per la qualità del bere miscelato, grazie ad una selezione che propone classici, contemporanei e Signature Cocktail che si rifanno alla storicità del locale. Art Deco, i vetri di Murano e Caffè Concerto sono gli elementi che hanno ispirato la nuova proposta insieme alla stagionalità dei prodotti. Immancabile l’importante selezione di birre che da sempre caratterizzano il Caffè, nato nel 1903 proprio come birreria.

 

 

PASZKOWSKI

Nato tra la fine dell’800 e i primi del ‘900 come Caffè Centrale e rilevato dalla Società Toscana C. Paszkowski per la fabbricazione e la vendita della Birra, nel 1903, il Caffè diviene subito punto di riferimento non solo per la città, ma anche per gli intellettuali dell’epoca. Divenuto birreria e punto di ristoro, accompagna le serate fiorentine con la formula del “Caffè Concerto”. Il nome Paszkowski sostituisce quello di Caffè Centrale, proprio per diventare il Brand Ambassador di quella Birra Paszkowski che prende risalto a livello nazionale fino agli anni ’30. La Birra Paszkowski raggiunge una notorietà tale da avere due fabbriche di produzione, la prima a Firenze e la seconda a Roma. Diventa successivamente una tra le prime cinque birre vendute in tutto il territorio nazionale. Alla fine del diciannovesimo secolo, Paszkowski diventa un caffè letterario dove Prezzolini, Soffici, Papini e D’Annunzio, successivamente Montale, Saba e infine Pratolini, sono fra i clienti abituali più illustri.

Nel 1979, il Caffè viene acquistato dalla famiglia Valenza, tutt’oggi proprietaria, che decide di rilanciare non solo la caffetteria, ma anche la ristorazione e la miscelazione, senza mai dimenticare la tradizione del Caffè Concerto. Una data di importanza fondamentale è il 1991, anno in cui il Caffè è dichiarato Monumento Nazionale ed entra a far parte dei Locali Storici d’Italia. E’ in questi anni che il ruolo culturale del Caffè è enfatizzato ospitando gli appuntamenti de “La Versiliana d’inverno”. Si tratta di incontri pomeridiani con personaggi di spicco del mondo del sapere, della politica e dello spettacolo, con lo scopo di riproporre l’idea del caffè letterario che lo aveva caratterizzato all’inizio del ‘900. Tra gli ospiti ricordiamo: Piero Angela, Roberto Benigni, Franco Maria Ricci, Cecchi Gori, Carlo Verdone e Francesco Nuti. Un ulteriore elemento di attrazione per il pubblico e per giovani artisti in cerca di affermazione è la formula del Caffè Concerto, che prende spunto dal fenomeno dei café-chantant nati a Parigi nel XVIII secolo. Già durante i primi del Novecento ospiti illustri e personaggi di spicco affollano la Piazza, dando al Caffè un carattere aperto e cosmopolita. La declinazione di Caffè Concerto arriva nel 1911 quando la Società Toscana C. Paszkowski annuncia un ambizioso programma di grandi concerti. Paszkowski anima quindi Piazza della Repubblica con musica dal vivo di qualità, artisti locali e internazionali e attività culturali che rendono unico il locale. Nell’attuale momento storico, l’attività concertistica è naturalmente sospesa ma, non appena sarà possibile, la famiglia Valenza ha già in programma un ricco calendario di performance live ad animare il nuovo locale.

 

  

caffepaszkowski.it