LE MARCHE IN MOTO TRA CURVE MOZZAFIATO

Spazi aperti a stretto contatto con la natura, riscoperta del territorio e delle sue infinite bellezze: quest’anno, il mototurismo rappresenta un’occasione davvero unica per trascorrere una vacanza senza stress e in completa sicurezza.
Le Marche offrono moltissime possibilità per programmare il proprio viaggio a due ruote attraverso affascinanti itinerari con tante curve, panorami mozzafiato e vari tipi di strade che permettono di attraversare tutta la regione, riscoprendone natura, cultura e tradizioni ancora intatte. Percorsi di viaggio per ogni gusto, adatti al periodo estivo come a quello autunnale.

Santa Maria della Rocca, Offida (AP)

Ve ne proponiamo uno che è un tour che tocca tutte le provincie delle Marche, partendo da quella più meridionale di Ascoli Piceno fino ad arrivare a quella di Pesaro-Urbino salendo verso nord. Poco più di 300 km da fare in un giorno o due, se si vuole esplorare di più il territorio anche scendendo dalla moto.
La partenza è a San Benedetto del Tronto, una delle più suggestive località balneari dell’Adriatico grazie al suo lungo litorale sabbioso costellato di palme. La cittadina vanta numerose bellezze storiche e artistiche e una nota tradizione culinaria marinara grazie al florido porto peschereccio. Segue Offida, inserita nella classifica dei borghi più belli d’Italia, dove visitare la Piazza del Popolo e i maestosi edifici circostanti come la Chiesa di Santa Maria della Rocca. Poi Ascoli Piceno, ricca di torri, chiese e palazzi; da non perdere Piazza del Popolo, la Chiesa di San Francesco e il Palazzo dei Capitani del Popolo. Si prosegue per Monte Rinaldo, con un caratteristico centro storico medievale, e poi Montalto, ricca di reperti archeologici custoditi nel Museo Archeologico della città.
Segue Urbisaglia, antica colonia e municipio romano, dove visitare il Parco archeologico, con l’anfiteatro del I sec. d.C. e il teatro. Si arriva poi a San Severino Marche, nella valle del Potenza, con le sue chiese gotiche risalenti all’epoca della signoria Smeducci, e una ricca tradizione artistica pittorica di cui i massimi esponenti furono i fratelli Salimbeni e Lorenzo d’Alessandro. Si prosegue per Serra San Quirico, affascinante borgo medievale fortificato che sorge sulle pendici del Monte Murano; e poi Arcevia, dove visitare l’ex convento di San Francesco che racchiude il Museo Archeologico.

Serra San Quirico. Credits: Maurizio Paradisi

E ancora Pergola, bellissima cittadina che ha ospitato insediamenti sin dalla preistoria; da visitare la Chiesa dei Re Magi che prende il nome da una tela del Pisano raffigurante proprio l’adorazione dei Re Magi e il museo dei Bronzi Dorati che conserva una testimonianza storica unica e originale. Infine, Fossombrone, nella media valle del Metauro, ricca di storia, luoghi d’arte e di cultura, come la Chiesa barocca di San Filippo, risalente al 1600, e il Ponte della Concordia sul fiume Metauro, risalente al 1792, uno dei più lodati d’Italia per la semplicità del suo unico arco a tutto sesto. A 2 Km circa dalla città, da non perdere sono le Marmitte dei Giganti, un piccolo canyon sul fiume Metauro: dall’alto si può godere di una vista mozzafiato sul blu cristallino del fiume, mentre per un
piccolo sentiero si raggiunge direttamente il corso d’acqua.

 

turismo.marche.it