TUTTI I COLORI DI NIZZA

Blu è il colore della Costa Azzurra, il cui nome fu dato da Stephen Liégeard, avvocato, deputato e scrittore francese, e compare per la prima volta nel 1887 sulla copertina della sua raccolta di racconti intitolata “Côte d’Azur”. Ed è anche il colore del mare di Nizza che, con i suoi 350.000 abitanti, è la città più grande della costa ed è conosciuta in tutto il mondo per la Promenade des Anglais, l’iconica passeggiata lungomare che si estende per sette chilometri sulla Baie des Anges. Il suo nome si deve ai numerosi villeggianti aristocratici inglesi che nel XVIII° secolo si stabilirono a Nizza per svernare, attirati dal clima mite e dalle numerose giornate di sole, e che decisero di raccogliere fondi per costruire una passeggiata. Inizialmente fu chiamata Strada del litorale, ma i nizzardi ben presto le diedero il nome, in dialetto nizzardo, di Camin deis Anglés, in francese Promenade des Anglais. Ora è chiamata da tutti gli abitanti Prom’ ed è caratterizzata da un ampio marciapiede con le caratteristiche ed iconiche chaises blue, su cui sedersi ed ammirare le 50 sfumature di blu del mare, e da una pista ciclabile che costeggia la strada a quattro corsie.

Dal 2021 Nizza è stata iscritta nella lista del Patrimonio Mondiale per l’Umanità Unesco, come “Città del turismo invernale della Riviera”, per la storia, la bellezza, l’architettura e gli spazi verdi.  Una grande area che si estende in un complesso urbano di 552 ettari e comprende tutto il litorale, il centro di Nizza, il quartiere Libération e le colline di Cimiez. A pochi passi dal famoso lungomare, c’è la Promenade des Ponchettes, che segna le origini della città di Nizza come luogo di villeggiatura. Nel 1726, quando la Promenade des Anglais era ancora solo un sentiero sterrato, furono costruiti una fila di negozi e magazzini lungo il muro che proteggeva la città dal mare, diventando la prima passeggiata dei ricchi inglesi.

L’anima della città è il mercato dei fiori e della frutta che si svolge tutti i giorni, tranne il lunedì, in Cours Saleya. Un vero tripudio di colori e profumi che attirano clienti o visitatori curiosi. Da non mancare una visita anche al mercato dell’antiquariato che si svolge invece il lunedì, sempre sul Cours Saleya. La merce esposta sui banchi spazia dalle porcellane di Limoges a servizi di posate in argento, dai quadri ad abiti e bijoux vintage, fino a libri e vinili da collezione. Si possono fare buoni affari o trovare delle chicche come al banco di Sylvie Clement che vende affiches originali d’epoca, tra cui figurano locandine di film, del Festival del Cinema di Cannes, di mostre d’arte o manifesti pubblicitari.

Terra di Siena, verde, giallo, crema e azzurro, sono i colori che si ritrovano sulle facciate delle case alte e strette, nei vicoli e le stradine della Vieux Nice, contraddistinti da cartelli toponomastici che riportano il nome della via in due lingue: francese e dialetto nizzardo. Passeggiando per il centro storico si scopre Palazzo Caïs Pierlas, la casa dove abitò, dal 1921 al 1938, il celebre pittore Henri-Émile-Benoît Matisse, che si trasferì a Nizza attratto dai suoi affascinanti colori. Invece in rue de la Préfecture sul muro di una casa, c’è una targa in italiano che ricorda che lì morì il musicista e famoso violinista Niccolò Paganini. La movida si concentra in place Rossetti, circondata dai dehors dei bar e ristoranti, e dove si trova la cattedrale di Santa Reparata di Nizza, eretta in stile Barocco tra il 1650 e il 1699, e riconosciuta dal 1906 monumento storico. Nella Vieux Nice si trovano alcuni dei negozi storici della città, mentre le boutique di lusso sono situate invece nel Carré d’Or, il quartiere più chic di Nizza. Conosciuto un tempo come quartiere Buffa, dal nome della strada che lo attraversa da est a ovest. Un quartiere con una divisione rettilinea, tipica dello stile Haussmann, con edifici in stile Belle Époque e Art Dèco.

C’è un luogo che passa spesso inosservato e invece merita una sosta. È la Porte Fausse, un passaggio che collega la vecchia Nizza alla città moderna. Nel XVIII° il centro storico era circondato da bastioni, e proprio tra queste mura era stata aperta una piccola porta che fungeva da accesso diretto e facile dalla città bassa alle rive del Paillon. Proprietario dell’edificio dove era situato il passaggio era il liutaio Albert Blanqui, che alla sua morte lasciò in eredità la casa al Comune, con l’espressa istruzione di costruire un vero e proprio attraversamento pedonale. Per questo motivo è chiamata Porte Fausse, ovvero porta falsa. L’artista franco-armeno Sarkis ha ridecorato la scalinata creando un trompe-l’œil con effetto marmo rosso, bianco e oro, e una vecchia cassetta delle lettere chiamata “Postes restantes” che si trova al piano rialzato, anche se qui non c’è mai stata una raccolta della posta. Tutto è “falso” tranne la fontana, dove un tempo i trippai venivano a lavare le frattaglie. Place Masséna è la piazza più famosa e grande di Nizza ed anche la più rappresentativa della città, dominata dai colori bianco e nero della pavimentazione a scacchi e dalle facciate color terra di Siena degli edifici che la circondano, tra cui le Galeries Lafayette. La piazza ospita “Conversazionea Nizza”, un’opera d’arte dello scultore spagnolo Jaume Plensa, composta da sette statue appollaiate a una decina di metri da terra e dedicate ai sette continenti, che si illuminano di notte. La piazza è attraversata dalla Promenade du Paillon, un parco di 12 ettari in pieno centro cittadino, con una vegetazione composta da circa 1600 alberi, 6000 arbusti e 50.000 piante perenni. È il luogo dove si svolgono i grandi eventi della città e dove ogni anno sfilano i famosi carri del Carnevale di Nizza. Al centro un enorme specchio d’acqua di 2800 mq, dotato di 128 getti che creano giochi acquatici e che si illuminano la sera. In estate le miroir d’eau è il luogo preferito da bambini, ma anche adulti, che camminano a piedi nudi nell’acqua alla ricerca di un po’ di frescura.

La vista migliore di Nizza si ha dalla Colline du Château, un belvedere da cui si gode uno dei più bei panorami della città, che si estende sulla Baie des Anges, sulla città vecchia e il porto. Un arcobaleno di colori si ritrova anche nella cucina nizzarda, combinazione fra tradizione francese e mediterranea e influenzata dai sapori liguri e piemontesi. Una cucina allo stesso tempo saporita ed equilibrata, delicata e piena di gusto, talmente importante per la città che ha un proprio marchio di qualità “Cuisine Nissarde”, che viene assegnato a ristoranti e locali vari che realizzano e propongono ricette nel rispetto della tradizione, con prodotti del territorio e di qualità.

Il piatto universamente conosciuto è la fresca salade niçoise, con mesclun, pomodori, peperoni, tonno, uova sode, fagiolini, filetti di acciughe, olive nere, cipolle rosse e condita con olio extravergine d’oliva e sale. E poi ci sono gli street food: la pissaladière, una deliziosa torta salata con cipolle, acciughe e olive; la socca a base di farina di ceci, e il pan bagnat: un panino rotondo farcito con pomodoro, cipollotto verde, tonno, uova sode, peperone, acciughe e ravanelli, e un filo di olio evo. Mentre i petit farcis niçois sono invece delle verdure gratinate ripiene di carne.  La daube niçoise è uno stufato di carne di manzo marinata nel vino rosso e nel pomodoro con carote, sedano e cipolle e funghi porcini. La stessa carne viene utilizzata per farcire i ravioli. Ad accompagnare la rinomata cucina, c’è il vino di Bellet, una delle più piccole e antiche denominazioni protette francesi (Aop), distribuita su un territorio di 650 ettari, attorno alla città di Nizza, ad un’altitudine media di 200 mt, che beneficia di una , lambita dai venti marini che salgono attraverso la valle del Var e dai venti alpini che scendono da nord, su terreni sabbioso-calcarei. Bellet produce sia vini bianchi a base di Rolle ed altri vitigni a bacca bianca, mentre i rossi e i rosati vengono prodotti con Braquet, Folle Noir, Grenache e Cinsault.

 

CARNET D’ADRESSES

 

 

RADISSON BLU NICE

Situato sulla Promenade des Anglais e affacciato sulla Baie des Anges, il Radisson Blu Nice è un moderno hotel con 331 camere e suite con terrazza, arredate in tonalità che riflettono il carattere mediterraneo di Nizza e che spaziano dal grigio al blu, fino al giallo miele, con mobili in legno locale. L’hotel dispone del più grande rooftop della città con piscina panoramica e ampio solarium, con vista mozzafiato a 360° gradi sulle colline di Fabron, il centro città, e il mar Mediterraneo. Qui è collocato il Pool Lounge Bar e il ristorante Calade Rooftop, dove l’azzurro, il turchese e il blu del décor moderno e raffinato ideato dai designer Fabrice e Didier Knoll, si fonde con le infinite sfumature del cielo e del mare. In questa location viene proposta una cucina dai sapori mediterranei con prodotti locali e stagionali. 223 restaurant è l’altra proposta gastronomica, dove viene servita anche la prima colazione. Tra gli altri servizi dell’hotel è presente un centro fitness al 7° piano, e proprio davanti alla struttura la Régence Plage, uno stabilimento balneare dotato di comodi lettini ed ombrelloni e di un ristorante dove gustare pesce di mare alla griglia e specialità locali.

 

RadissonBluNice

 

 

RESTAURANT ACCHIARDO

Aperto nel 1927, è gestito dai fratelli Virginie, Raphaël et Jean-François, quarta generazione della famiglia Acchiardo, di origini piemontesi. Situato nella città vecchia di Nizza, il ristorante è una vera istituzione. Tra le sue pareti in pietra si respira la storia, con vecchie foto di famiglia incorniciate, bottiglie usate come lampadari o come decorazione sulle pareti, e un bancone bar d’epoca in stile bistrot. Viene proposta la stessa carta di quanto il ristorante è stato aperto, con i piatti tipici nizzardi, il locale ha infatti il marchio Cuisine Nissarde, abbinati a una selezione di vini del territorio e nazionali. Ambiente dinamico e accogliente.

 

RestaurantAcchiardo

 

 

GRAND BALCON

Ristorante gastronomico progettato da Jacques Michalis, in armonia con il vicino Teatro dell’Opera, con materiali nobili, illuminazione soffusa, un’antica biblioteca e ritratti classici appesi alle pareti, che rendono gli interni intimi e confortevoli. Bello e ampio il dehors che si affaccia su rue St. François de Paule. Lo chef de cuisine Jean-Luc Rossi propone una cucina creativa mediterranea, realizzata con materie prime locali fresche, di qualità e stagionali. Le Grand Balcon appartiene al gruppo NissaChic, proprietario di altri due locali e di una boulangerie sempre a Nizza.

 

LeGrandBalcon

 

 

PEIXES

Il mare è il protagonista della cucina di Peixes, bistrot contemporaneo e trendy con piastrelle bianche e blu che evocano le azulejos, arredi in tema marino progettati dall’agenzia Maison Maju e uno scenografico polpo gigante creato da Cédric Pignataro, artista e maestro del Carnevale di Nizza. Cucina fusion tra Mediterraneo e Sud America, con un menu a base di pesce e frutti di mare, lavorati prevalentemente a crudo -ceviche, carpaccio, tartare, tataki per valorizzare la materia prima, combinando sapori e consistenze tanto interessanti quanto sorprendenti. Ottimo rapporto qualità-prezzo.

 

Peixes.fr

 

GALERIES LAFAYETTE NICE

Le Galeries Lafayette sono il department store più famoso di Francia. La sede di Nizza è il secondo negozio, dopo Parigi, aperto nel 1916, e si distingue per la facciata color terra di Siena, per le persiane blu-verdi e i portici in stile torinese. Si trova in place Masséna in un edificio di 13.000 mq, distribuiti su cinque piani. Oltre 600 marchi prestigiosi, un ristorante e salon de thé, il Bella Bay, situato al quarto piano, per una pausa rilassante in un ambiente al tempo stesso casual e chic. Un Cabinet de Soin con due cabine per trattamenti viso firmati Chanel e Dior. Servizio di personal shopper utilissimo per rifarsi il guardaroba.

 

GaleriesLafayetteNiceMasséna

 

 

MOLINARD

Fondata nel 1849 a Grasse, città considerata la culla dell’industria mondiale del profumo, la casa di profumi Molinard è la più antica del suo genere. Arrivata alla quinta generazione di profumieri, ha ottenuto il riconoscimento di “Entreprise du Patrimoine Vivant“, per il suo raro e ancestrale know-how. Ha iniziato producendo acque floreali e acqua di colonia, in un piccolo negozio nel centro della città. Il maestro vetraio René Lalique ha creato e firmato per Molinard le splendide bottiglie come “Iles d’Or” nel 1930 e “Madrigal” nel 1930. Ha boutique sparse in tutta la Francia. Quella di Nizza è situata in rue Saint-François de Paule e al suo interno, oltre ad acquistare profumi e prodotti cosmetici, si può creare la propria fragranza, accompagnati da un esperto, con cui scoprire l’architettura di un profumo, gli ingredienti che lo compongono e il modo in cui si completano a vicenda.

 

Molinard.com

 

 

FranceFr

ExploreNiceCotedAzur