CRUPERDU MILLESIMO 2011 CASTELLO BONOMI

In una zona definita “morenica”, ai piedi del Monte Orfano, nei 24 ettari di vigna le piante sono circondate da muretti a secco dell’800 e sfiorano quasi i 300 metri s.l.m. Siamo in una Franciacorta ricca di abbazie e storia. Castello Bonomi, con il suo edificio liberty del XIX secolo, negli anni Novanta ha recuperato il parco vigna, gestito dal 2008 dalla famiglia Paladin, che ha scelto Leonardo Valenti (docente dell’Università Statale di Milano) per la parte agronomica e Luigi Bersini (enologo) per la produzione. L’approccio in vigna è biologico e proiettato alla sostenibilità, con metodi innovativi che rispettano quell’antico rapporto tra uomo e natura atti a prevenire l’erosione, la compattazione e il declino della materia organica. In cantina grazie ai 1500 metri quadrati a disposizione non manca lo spazio per lo svolgimento di tutti i processi di vinificazione e affinamento per Franciacorta longevi, abili a sfidare il tempo e capaci di sottolineare i pregi delle grandi annate.

 

James’ Tasting

CruPerdu Millesimo 2011 Castello Bonomi

Franciacorta Brut Docg

93/100

Con un 70% di Chardonnay e la restante parte di Pinot Noir, ecco una grande annata mostrarsi al meglio. C’è una doccia gessata, uno strato vanigliato impolverato di zafferano e magnolia. Una sensazione di rugiada che rinfresca e solleva tutto, c’è quasi un’aria di montagna, quella calda, estiva, pregna di vita. Bolla finissima ma persistente e mai pungente. Ottanta mesi sui lieviti che non sembrano tali e soprattutto mai abbastanza. Una via verso un percorso illuminato che culmina in sensazioni più iodate.

 

castellobonomi.it