PECK CITYLIFE, L’AMORE PER IL CIBO E’ “VERTICALE”

I miti sono tali per la capacità di essere sempre contemporanei. È il caso di Peck, che con l’apertura di Peck CityLife (gastronomia, ristorante, enoteca, cocktail bar) rinnova e amplia la propria relazione con il pubblico milanese.

Il tempio dell’alta gastronomia, a Milano dal 1883, porta nella nuova città verticale, sotto le torri progettate dalle archistar internazionali (oggi quartier generale di Allianz e Generali, domani anche di PWC) tutti i sapori, profumi e il savoir faire che lo hanno reso il riferimento per i cibi di alta qualità e un brand conosciuto nel mondo.

Per la prima volta Peck esce dalla Milano storica per arrivare in CityLife Shopping District, il più grande distretto commerciale urbano d’Italia, facendosi ponte verso la città che sale, animata da una nuova borghesia delle professioni: cosmopolita, internazionale, mobile e contemporanea.

Peck CityLife sorge in un padiglione di 300 mq dalle forme organiche, posto in Piazza Tre Torri, baricentrico rispetto all’ingresso dello Shopping District e delle architetture simbolo della nuova città.

Qui Peck inaugura anche una nuova formula di ristorazione, che ha come tema il mangiare in gastronomia. Gustare il cibo seduti al bancone non è solo un gesto estetico, ma filosofico: ricuce il rapporto tra alimenti e lavorazione, tra selezione e degustazione, tra preparazione e consumo.

Il nuovo ristorante (50 coperti, aperto a pranzo e a cena con due carte diverse) non è solo il posto dove poter andare ogni giorno a gustare una serie di signature dishes come la costata di manzo, il risotto giallo con ossobuco, la cotoletta alla milanese, oltre ad una proposta di piatti del giorno, sempre in divenire, ma è anche l’approdo per trovare piatti speciali come il lesso, la cassoeula, le carni allo spiedo, o prodotti non comuni come la lingua salmistrata o il marbré.

Merita una menzione speciale la formula degli antipasti: concepiti per la condivisione, sono pensati per innescare un rito sociale di partecipazione al gusto e per dare ai commensali l’occasione di scoprire più sapori. Le proposte variano moltissimo e consentono di esplorare i must della gastronomia di Peck, come l’insalata russa, il paté, i gamberi in salsa cocktail, lo storione, il vitello tonnato e la famosa bresaola secondo la ricetta di Peck. Come già accade nella grande gastronomia di via Spadari, il nuovo ristorante è il luogo ideale per mangiare tartufo, jamon iberico de bellota, foie gras, salumi selezionati e formaggi particolari dell’ampio assortimento di Peck. Il ristorante in gastronomia permette all’ospite di poter ordinare fuori carta tutto ciò che è esposto al grande bancone di ingresso.

L’enoteca mette in scena una collezione di vini e distillati disposti teatralmente su un’importante parete che espone una selezione di 150 etichette, italiane e francesi. La punta dell’iceberg rispetto alle oltre 3 mila etichette (sempre disponibili su ordinazione) che hanno reso il negozio di Via Spadari la migliore enoteca d’Italia. Appassionati e curiosi potranno farsi consigliare dai sommelier di Peck sia per la mescita sul luogo sia per l’acquisto di bottiglie da asporto. L’enoteca sarà anche teatro di incontri dove poter conoscere i produttori di alcune etichette pregiate, durante una serie di eventi su prenotazione in cui sarà possibile degustare annate importanti delle migliori cantine.

L’ultima sorpresa di questa nuova apertura è il banco della cocktail station decorato da piastrelle dipinte a mano con un disegno ricavato da una fotografia storica del Peck anni ’50, affidata alle sapienti cure di Riccardo Brotto, affiancato da uno staff di giovani barman e barlady, che hanno creato una carta di cocktail interpretando sia la storia di Peck sia la contemporaneità.

Leone Marzotto

Leone Marzotto, la cui famiglia ha rilevato il marchio nel 2013 dalla famiglia Stoppani e che dal 2016 è AD, afferma che Peck è tante cose: “un’istituzione milanese, un negozio storico che si sta diffondendo a Milano con l’apertura di negozi-figli, un’autorità in fatto di conoscenza del prodotto, un insieme di persone accomunate da competenze, valori e dalla passione per quello che fanno. Peck è passato da una famiglia all’altra 4 volte nella sua storia. Ogni volta si è arricchita delle visioni di un nuovo imprenditore, ed ogni volta ha cambiato un po’ i propri connotati, spesso aggiungendo, sapendosi adattare ai nuovi tempi, senza mai tradire il DNA originario. L’apertura di Peck in CityLife Shopping District è doppiamente storica: non solo è la prima volta che Peck apre a Milano fuori dal proprio quartiere, ma questo negozio è anche il primo dei nuovi Peck. La sfida è portare la nostra altissima idea di qualità, di servizio e la nostra passione a contatto con pubblici nuovi: con innovazioni destinate a durare nel tempo, e senza inseguire trend o mode passeggere”.

Peck CityLife è aperto sette giorni su sette, dalle 9 alle 23 (domenica alle 21), impiega 25 persone di cui 5 “veterani” e 20 nuove figure selezionate tra oltre 300 candidati: per offrire al pubblico uno staff di grande professionalità, motivazione e affiatamento. Tutti i nuovi assunti hanno passato quattro mesi di formazione nel Peck di via Spadari per assorbire i segreti e lo stile senza tempo di un mito che si rinnova ogni giorno.

 

 

 

Peck CityLife

Piazza Tre Torri

Milano

 

Orari

Lunedì – Sabato 09.00 – 23:00 | Domenica 09:00 – 21:00

Tel. 02.36642660

peck.citylife@peck.it

 

www.peck.it

 

Cover: Leone Marzotto e lo staff di Peck CityLife

Photo credits courtesy Peck