LA MAIENA, LUSSO E RELAX “CON VISTA MERANO”

L’elegante resort La Maiena Meran domina la collina di Marlengo e guarda alla conca di Merano sottostante, un’area verdissima circondata da alberi di mele e filari vitati, attraversata dal sentiero della Roggia di Marlengo, uno storico percorso panoramico di 12 km creato 250 anni fa, il più lungo dell’Alto Adige. Le meritate cinque stelle attribuite al resort nel 2018 confermano gli elevati standard conseguiti nel servizio e nel comfort, frutto di quindici anni di duro lavoro, dopo che fino al 2003 l’hotel era classificato 4 stelle superior.

Pphoto credits Florian Andergassen

La prima pietra la mise nel 1964 Franz Waldner, imprenditore di lunghe vedute e albergatore, della dinastia Waldner da oltre 520 anni proprietari dello storico Hotel Oberwirt, il quale ebbe l’intuizione di acquistare questi terreni di fronte alla piccola stazione dei treni di Marlengo, all’epoca occupati da meleti, per edificarvi un ristorante destinato al figlio Hans. Spazi ampi, che comprendevano un dancing, un bowling e un ristorante che in quegli anni saprà distinguersi per l’ottima cucina. Nel 1977 vengono costruite le prime 24 stanze e al ristorante si aggiunge l’albergo, che nel 2007 viene alzato e vengono allargate le stanze con vista Merano, le più richieste. Nel 1990 la discoteca cessa l’attività, anche se continuerà fino al 2015 come dancing e nel 2016 viene costruito il tunnel che collega l’edificio principale con la Meran-Lodge, mentre è in quegli anni che si costituisce l’associazione di albergatori Belvita Leading Wellnesshotels Südtirol, un efficace organismo dedicato alla promozione di resort di alto alto profilo, che vede i Waldner tra i soci fondatori.

Photo credits Armin Terzer

La cucina è molto importante a La Maiena, con il nuovo chef Andreas Schwienbacher, che porta con sé esperienze in ristoranti gourmet e un interessante bagaglio di conoscenza e creatività, che unito al solido vissuto della famiglia Waldner, getta le basi per il nuovo ristorante gastronomico La Fleu, un’esperienza sensoriale a tutto tondo che ha aperto il 1° agosto 2020. Cucina mediterranea e alpina, con prodotti regionali e stagionali, il ristorante del La Maiena è aperto anche ai non residenti e distribuito su sale, salette e terrazze panoramiche al piano della reception, dove si svolge anche l’ampia e stuzzicante colazione mediterranea, insieme alla cena con menù alla carta o con le sei portate del Degustazione. Poi c’è il Bistrò Fiorello, posto accanto al Residence e alla Meran Lodge, complesso che ospita 17 unità abitative, di cui tre penthouse suite al terzo piano con jacuzzi e sauna privati sul balcone con vista panoramica su Merano, dove la cucina a vista è aperta dalle 12 alle 17 per uno spuntino o un lunch con servizio in terrazza a bordo piscina. Il tema del vino è tenuto in particolare considerazione, con una carta dei vini di spessore e la scenografica Torre del vino, una struttura climatizzata in legno, fruibile al centro della sala, con selezioni dalle più rappresentative regioni d’Italia e d’Europa, dove gli ospiti possono scegliere l’abbinamento ideale, grazie ai consigli qualificati del sommelier Richi.

Photo credits Michael Huber

Photo credits Michael Huber

Photo credits Florian Andergassen

Un hotel cinque stelle con spazi ampi e aree ricreative per tutte le esigenze dove le sei piscine sono collocate con un raffinato criterio stilistico nell’ampio giardino. La piscina panoramica esterna Infinity ha una temperatura di 32° ed è lunga 26 mt; la panoramica coperta con acqua a 33°; l’esterna lunga 22 mt. presso il residence, con giochi d’acqua e idromassaggio a 23°; la piscina per nudisti, nella nuova Sensa Spa, con acqua rinfrescante a 16° e vasca idromassaggio relax a 33°; e la Balloon Lounge, piscina poco profonda a 33°, per genitori e bambini piccoli. Molto esteso anche il reparto saune, con la 90°, la finlandese a 90°, la bio sauna alle erbe a 60°, la cabina a raggi infrarossi Physioterm con grotta salina per inalazioni e la cascata di ghiaccio, oltre naturalmente alle aree relax, dislocate all’interno e all’esterno, con i rilassanti lettini sospesi e vista panoramica sui tetti di Merano. La Sensa Spa è un qualificato centro wellness aperto tutto l’anno, con trattamenti viso e corpo anche per coppie, insieme a massaggi al cirmolo, peeling, ayurveda, Jetpeel, fisioterapia e hairstyling. Senza dimenticare il meraviglioso e lussureggiante giardino, dislocato sui 2500 metri della proprietà, appannaggio del giardiniere Franz, quasi uno di famiglia per i Waldner, che da oltre cinquant’anni accudisce con dedizione le specie arboree e le decine di varietà di erbe rare, piante e fiori. Una presenza che accompagna quotidianamente la vita del resort, quella della famiglia Waldner, con papà Hans e il figlio Mathias, insieme a Evelyn, Elisabeth e Marlene, che non fanno mai mancare la loro attenzione ai residenti, sempre presenti per qualsiasi necessità o semplicemente per scambiare qualche parola con gli ospiti, facendoli sentire a casa, mentre nuovi progetti avveniristici sono allo studio e saranno posti in essere nei prossimi mesi.

 

 

lamaiena.it

 

Cover: photo credits Florian Andergassen