PATAGONIA, IMMAGINI E SGUARDI VERSO L’ESTREMO SUD

Una mostra internazionale di fotografia che espone gli scatti di sette fotografi professionisti, permetterà per la prima volta di vedere la Patagonia più vergine e meno conosciuta, attraverso la rotta seguita dalle navi da crociera e spedizione Australis.

Due fotografi spagnoli, uno cileno e quattro provenienti da differenti paesi europei (Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna), espositori nella mostra “Uno Sguardo Verso L’estremo Sud” organizzata da Australis, illustrano, attraverso la fotografia, l’itinerario unico per la Patagonia realizzato dalla nave della Compagnia, solcando le acque dello Stretto di Magellano, del Canale di Beagle fino a raggiungere il mitico Capo Horn.

L’obbiettivo di questa mostra è dare visibilità al percorso straordinario in Patagonia, possibile solo viaggiando con le nostre navi da spedizione, trattandosi di una zona protetta; i fotografi di molte testate giornalistiche, a bordo della nostra nave, hanno potuto godere della bellezza avvolgente di una delle aree in cui la natura selvaggia è rimasta immutata ed è la medesima ammirata secoli fa da Darwin o Magellano“, spiega Mattia Mattivi, Manager di Australis Europe.

I fotografi spagnoli sono Andrés Magai e Saúl Santos e il cileno Cristóbal Prado. Tutti collaboratori di media specializzati in Viaggi e Natura, come El País, La Vanguardia o Conde Nast. I fotografi provenienti dalle altre parti d’Europa sono: Jessica Backhaus (Germania), Nori Jemil (Inghilterra), Paolo Petrignani (Italia) e Stanislas Fautré (Francia). Jemil, Fautré e Petrignani, sono collaboratori di importanti testate giornalistiche come Le Figaro, il Corriere della Sera, il National Geographic Traveler; Backhaus è un fotografo artistico che ha esposto le sue opere in importanti gallerie.

La mostra è composta da 20 fotografie in grande formato. “Si tratta di una scommessa visiva che permette al pubblico di fare un viaggio in Patagonia attraverso le foto esposte” spiega Barbara Mur, curatrice della mostra “percependo la natura allo stato puro, l’impatto con i colori dei boschi, la luce e i ghiacciai “.

 

 

I FOTOGRAFI

 

Andrés Magai Seibt è fotografo, giornalista e co-autore con Rafael Marquez del libro: Quaderno sull’Africa, scritto e pubblicato per la prima volta in Spagna, che tratta in maniera completa il mondo della fotografia e dei safari. Le sue opere sono state pubblicate da un gran numero di riviste di natura, viaggi e informazioni. Attualmente collabora con diverse riviste, Paraísos, Rutas del Mundo, Clio, Ronda Iberia, Súper Foto, Espíritu Viajero, e si occupa di programmi radiofonici. Andrés Magai è direttore della rivista di viaggi on line, fotoviajes.net e della rivista di fotografia e natura, naturafoto.com.

www.photomagai.com

 

Christopher Prado ha studiato fotografia in Cile e ha lavorato diversi anni per differenti media nazionali, la rivista Paula, El Mercurio, La Tercera, Stuff Magazine. Nel 2010, trasferitosi in Spagna, consegue un master presso la Efti School e inizia presto una collaborazione con la rivista Condé Nast Traveler, dove pubblica ancora oggi. Ha pubblicato alcuni suoi scatti su Vogue, GQ, AD, Man. Condivide uno studio di creazione visiva e direzione artistica, pineal.estudio, con altri tre professionisti. Il gruppo pubblica su Tapas, T magazine, L’oficciel.

cristobalpradocourard

 

Saúl Santos è un fotografo naturalista specializzato in viaggi. Le sue immagini sono apparse sulle copertine di oltre 30 riviste e libri, e i suoi reportage fotografici sono stati pubblicati da oltre 60 testate giornalistiche. Alcune di queste pubblicazioni riguardano famose riviste spagnole e internazionali, El País, El Mundo, ABC e La Vanguardia, Viajes de National Geographic, Hola Viajes, Visión Salvaje, Lonely Planet, GEO, Viajeros, Viajar, Natural, Integral, El Mundo de los Pirineos, Ronda Iberia, Oxígeno, Más Viajes, Turismo y Aventura, Digital Camera (Inghilterra), Ateko (Polonia), Unike Imagen (Taiwán), Popular Photography & Imaging (USA), Photographer (Ucrania) PhotoArt (Repubblica Ceca), Level (Uruguay); Travel (India); Foto Mundo, Time Out, Extremo Patagonia, Recorriendo la Patagonia e El Clarin (Argentina). Inoltre, le sue fotografie sono state esposte in molte sale dell’Europa e dell’America Latina e il suo lavoro è stato riconosciuto e premiato da diversi concorsi nazionali e internazionali.

www.santossaul.com

 

Jessica Backhaus (Germania) proviene da una famiglia di artisti. A 16 anni si trasferisce a Parigi dove studia fotografia e comunicazione visiva. Dal 1995 al 2009 vive a New York dove svolge buona parte della sua carriera professionale come fotografa artistica. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive in varie nazioni, come National Portrait Gallery (Londra), Martin-Gropius-Bau (Berlino). Ha pubblicato sette libri: Jesus and the Cherries (2005), What Still Remains (2008), One Day in November (2008), I Wanted to See the World (2010), ONE DAY- 10 photographers (2010), Once, still and forever (2012) Six degrees of freedom, (2015). Le sue fotografie fanno parte di importanti collezioni d’arte: Art Collection Deutsche Börse, Germania, ING Art Collection, Belgio, Collection of the Museum of Fine Arts, Houston, USA e il Margulies Collection, Miami, USA.

www.jessicabackhaus.net

 

Nori Jemil, fotografa e scrittrice di viaggi, vive tra Londra e Perth (Australia). Ha vissuto per sei anni a Santiago del Cile, dove ha imparato lo spagnolo e da dove ha viaggiato per tutto il Sud America. La sua specialità è la fotografia di paesaggi estremi, flora e fauna e fotografia aerea. La Patagonia e le regioni polari sono i siti da lei più fotografati. È membro del British Guild of Travel Writers. Ha pubblicato su varie testate giornalistiche, National Geographic Traveler del Regno Unito, Conde Nast Traveler, Revista Wanderlust, Rough Guides e Love Exploring; inoltre è stata insignita di numerosi riconoscimenti nell’ambito di prestigiosi concorsi internazionali di fotografia.

www.norijemil.com

 

Paolo Petrignani (Italia) è un fotografo documentarista le cui aree di competenza sono: natura, scienza, tecnologia, ambiente e società. La sua passione per la speleologia lo ha spinto a partecipare a spedizioni scientifico-esplorative in luoghi di difficile accesso. Collabora con Geo Magazine Italia, Vanity Fair Italia, National Geographic Italia, EV, Oasis, Travelling. Ha partecipato a esposizioni personali e collettive in Italia e all’estero. Inoltre ha pubblicato le sue foto su testate giornalistiche quali México Descocido (Messico), No Limits, Terre Sauvage (Francia), Sette del Corriere della Sera, National Geographic Magazine (edizione italiana e latinoamericana), Geo Alemania, Geo España, D Donna La Repubblica, Nikon PRO, Revista Extreme, Meridiani (Speciale Messico, Patagonia), Oasis, Viajes, Aventura Geográfica Nacional, Ciencia, Vanity Fair. Tra i suoi libri ricordiamo: Rio LaVenta Tesoro del Chiapas, Sotto il deserto il mistero dell’acqua di Cuatrocienegas, Ambar de Chiapas historia, ciencia y estetica (con Thomas Lee) Grotte di Cielo, Viaggio nel cuore dei ghiacciai, LaVenta Terre Pontine La Creazione di un Paesaggio (con Giuseppe Soldano), Parco Nazionale del Circeo immagini di storia natura e mito.

www.paolopetrignani.it

 

Stanislas Fautré, fotografo dal 1989, ha centrato il suo lavoro sull’interazione tra natura e essere umano. Ha pubblicato le sue foto sulle principali riviste francesi e straniere. È autore di libri di viaggio: Australie, le cinquième continent, La France des légendes, Bagnards, La France grandeur nature, Corse entre mer et montagnes, Les et presqu’îles de France. Inizialmente ha lavorato con l’agenzia Sipa Presse e attualmente con Le Figaro.

StanislasFautre

 

 

 

UNO SGUARDO VERSO L’ESTREMO SUD

 

Galleria d’arte

IL VICOLO

Via Maroncelli, 2

Milano

 

3 – 7 ottobre 2018

www.galleriailvicolo.it

 

www.australis.com