HENNESSY E FAITH XLVII: ALCHIMIA DEL PROCESSO ARTISTICO

La parola alchimia porta con sé un mix di scienza e magia, qualcosa che, a un certo punto diventa inspiegabile e si affida a forze ben più grandi. Qualcosa che ha a che fare con tempo ed energia. Un po’ come quando si mette piede in un luogo per la prima volta e si percepisce un battito primitivo, ancestrale, che fa entrare immediatamente in contatto cuore e terra. Succede anche con le persone di creare una complicità difficile da comprendere. Con alcuni sì, con altri no.

Un’artista che ha fatto della connessione tra uomo e natura il motore pulsante della sua opera è di certo Faith XLVII, cittadina della terra, come ama definirsi, e sensibile narratrice, attraverso la street art che la vede protagonista in giro per il mondo, di bellezza e spunti di riflessione nei luoghi meno attesi.

L’artista sudafricana parla fin dai primi lavori di diritti umani, di interconnessioni. Faith ha iniziato a dipingere tre anni dopo la fine dell’apartheid attraverso un approccio esplorativo: oggetti dimenticati, muri salvati dall’abbandono, legno e tele preparate in studio. La necessità di comunicare la forza, l’indipendenza, la connessione con la terra hanno reso il suo lavoro un mix di sacro e profano in cui riconoscersi; sono abbracci, parole, animali che sottolineano la forza e la fragilità di ognuno di noi, il nostro essere tanto potenti quanto vulnerabili.

Questa grande spiritualità primitiva, queste radici così ancorate nell’umanità non sono state indifferenti a Hennessy che l’ha scelta come artista per il decimo anniversario delle Very Special Limited Edition dopo interpretazioni del calibro di Felipe Pantone, Vhils, JonOne, Shepard Fairey, Os Gemeos, Futura e Kaws.

D’altronde una visione così intensa e femminile è l’ideale per raccontare lo stile di vita basato sul tempo e sulla natura che è Hennessy. È stato chiaro fin da subito, quando l’artista ha visitato la Maison, che quello fosse il momento giusto per collaborare con la casa francese. Alchimia quindi?
Il tempo lento e paziente in contrasto con un mondo sempre più veloce, i rituali che sono uguali da 250 anni sono il messaggio insito che Faith desidera comunicare attraverso la sua interpretazione.

È il modo in cui la natura si esprime, si dona generosa all’uomo attraverso i suoi frutti e il savoir faire di un rapporto basato su complicità e gratitudine che ha ispirato Faith XLVII per la sua interpretazione della Limited Edition. Terra, natura, radici, acqua, vento, pioggia diventano una tavolozza fatta di toni delicati, scritte e dettagli dorati che rendono omaggio al sapere di Hennessy e alle tradizioni di un lavoro radicato nel tempo e destinato a diventare eterno. Gli stessi toni, la stessa forza che sono evidenti al primo sorso di cognac, dal calore persistente, vellutato figlio di pazienza, amore e capricci della Terra.

 

hennessy.com