BLANC DE BLANCS 2012 BRUNO PAILLARD, FORZA “D’ARTISTA”

Il Blanc de Blancs 2012 di Bruno Paillard è uno champagne dalla “forza artistica”. Prima di tutto perché è un “Paillard” e riconosci lo stile della casa al primo assaggio. In secondo luogo, per illustrare questo vino, è stata commissionata un’opera sul tema “dove la forza sposa la grazia” all’artista giapponese Takehiko Sugawara. La sua creazione, tecnica mista su carta giapponese, prende posto nella galleria dei millesimati della Maison à Reims. Nato a Tokyo nel 1962, Takehiko Sugawara entra all’Accademia delle Belle Arti Tama di Tokyo nel 1989. Nel 1994 riceve la Borsa dei Giovani Talenti del Gotoh Memorial Fondation e durante la sua carriera riceve numerosi premi prestigiosi. Dal 2005, insegna all’Università degli Arti e Design di Kyoto. La pittura di Sugawara ricorda quella dei grandi maestri giapponesi. Il suo lavoro mescola armoniosamente le tradizioni ancestrali ad una modernità vicina alla pura astrazione. Cosciente dell’impossibilità di riprodurre la natura nella sua esattezza, Sugawara assume il ruolo di creatore di una nuova forma di natura, alla quale conferisce un’evidente carica emozionale e spirituale.

Alice Paillard ci presenta questo Blanc de Blancs 2012 con la consueta grazia e attenzione: il Blanc de Blancs 2012 è prodotto esclusivamente a partire della prima spremitura, la più pura, di due Grand Cru di Chardonnay della Côte des Blancs, Oger (un terzo) e Mesnil-sur-Oger (due terzi). Il 20% viene vinificato in piccole botti di rovere e dopo 8 anni di affinamento in cantina ed almeno 18 mesi di riposo dalla sboccatura del 2019 oltre un basso dosaggio (3 gr/l), lo champagne ha raggiunto la sua massima espressione. La 2012 è stata un’annata complicata in Champagne, con gelate invernali altamente pericolose, poi primavera con molti temporali e grandine e durante lo sviluppo vegetale per non farsi mancare nulla gelate primaverili e siccità d’estate. Ma, come spesso succede in Champagne, la qualità finale delle uve è stata molto buona, il grappolo si è difeso bene e ha raggiunto grande una bella concentrazione. E un’annata matura, molto simile alla 2002, ma con più acidità.

 

 

BLANC DE BLANCS 2012 BRUNO PAILLARD

95/100

L’aroma si apre con intensi sentori fruttati e di gesso, un profumo fresco, di grande fascino, notevole concentrazione, con leggere nuance agrumate e di nocciola tostata. In evoluzione vira su toni più floreali, vegetali e balsamici. Nel complesso è un aroma “made in Paillard”, il marchio di fabbrica: una fusione di aromi opulenti e lievi, profondi ed eterei, che rendono un’unicità assoluta da riconoscere subito, al primo istante. Al palato è sapido, materico e polposo, ma molto dinamico, con una bella vena acida e una costante leggerezza grazie alla mandorla amara e nella mineralità.

 

champagnebrunopaillard.com